Attualità

Unicusano e solidarietà: donati 30mila euro allo Spallanzani per l’acquisto dei respiratori

Unicusano e solidarietàL’Università Niccolò Cusano ha donato 30 mila euro allo Spallanzani di Roma per l’acquisto di alcuni respiratori. E si appresta a sostenere anche l’ospedale di Terni. Un gesto nobile che darà la possibilità a qualcuno di avere (ancora) un futuro.

Unicusano e Solidarietà: “siamo tutti responsabili nei confronti della comunità”

“Un’azienda che non sa far altro che soldi è un’azienda povera” – così sosteneva l’imprenditore statunitense Henry Ford. Perché oltre al profitto e alla produttività c’è di più: rendere il mondo un posto migliore. Ed è questo a far grandi.

Non parliamo, dunque, di responsabilità sociale o codice etico aziendale; parliamo, semplicemente, di solidarietà. Ovvero di un impegno etico-sociale che si esprime in uno sforzo attivo e gratuito, teso a venire incontro alle esigenze e ai disagi della comunità che ha bisogno di aiuto. L’Università Niccolò Cusano ha accolto, ancora una volta, questo principio di solidarietà per dare il proprio contributo in questa delicata situazione di emergenza sanitaria causata da coronavirus. L’Ateneo ha donato 30mila euro all’Ospedale Spallanzani di Roma per l’acquisto di alcuni respiratori e avviato una raccolta fondi che, in 24 ore, è arrivata a quota 10mila euro raccolti. Prossima lodevole iniziativa, come comunicato sui propri canali social dal Presidente Bandecchi, è finanziare anche l’ospedale di Terni. 

Le iniziative solidali della Cusano di Roma

Un grande cuore non si smentisce mai. Ci sono state altre occasioni in cui Stefano Bandecchi, fondatore della Unicusano, si è messo a disposizione per raccogliere fondi, donare materiale e aiutare nel momento del bisogno.

Ricordiamo che Unicusano sostiene progetti sociali di ampio respiro a livello internazionale come AMREF e AMKA; inoltre investe e svolge molteplici progetti di Ricerca scientifica con i suoi Laboratori di ultima generazione interni al campus di Roma, aderisce al consorzio ReLuis, che presta la sua opera alla Protezione Civile in caso di emergenza (un esempio di intervento è stato il terremoto di Amatrice del 2016), mette a disposizione degli studenti le borse di studio Click Days a copertura totale della retta per ben 5 anni, e molto alto ancora…

Le iniziative di beneficenza, le attività nei vari settori dell’assistenza sociale e socio sanitaria, i progetti di solidarietà internazionale, le collaborazioni con le associazioni e le ONLUS del territorio, dimostrano l’impegno concreto rivolto alla comunità presente e futura. Dimostrano che l’Università Niccolò Cusano è consapevole dell’influenza che le sue azioni possono avere sull’intera collettività. E per questo non resta ferma a guardare, scende in campo, questa volta contro il Covid-19, perchè siamo tutti responsabili nei confronti della nostra comunità.

Molti cittadini hanno già contribuito per sostenere la ricerca e l’attività sanitaria. Puoi farlo anche tu con una piccola donazione  volta ad  affrontare tempestivamente questa emergenza.

 

***Articolo a cura di Michela Crisci***