Cultura

Il Balloon Museum sbarca a Roma, “Let’s fly”!

E’ sbarcato a Roma dal 7 dicembre per restarvi fino al 5 marzo il Ballon Museum con la mostra chiamata “Let’s Fly”. È la prima volta che in Italia arriva un progetto interamente dedicato alla inflatable art.

Balloon Museum di Roma per grandi e piccini

Prodotta da Lux eventi, la mostra è ospitata da Pratibus District, i cui spazi sono completamente invasi da opere realizzate da artisti del settore riconosciuti a livello mondiale. Le opere portano con loro un fortissimo messaggio sociale, che attraverso uno stile Pop riesce a catturare e ad appassionare anche i più piccoli. Per loro infatti la mostra ha il sapore di una vera e propria festa e viene preso tutto in chiave più giocosa. Questo tipo di opere d’altronde ha sempre appassionato grandi e piccini. Come ogni opera d’arte che si rispetti, ognuno può vederci ciò che più ispira la propria fantasia. Tra stupore e curiosità è possibile passare da un’installazione all’altra, sentendosi completamente partecipi delle opere stesse.

Gli artisti di fama mondiale presenti al Balloon Museum di Roma

Il Ballon Museum accoglie a Roma alcuni artisti tra i più conosciuti in questo ambito, creando così un format unico in Europa. Tutto ha un significato ed ogni artista lancia un messaggio a chi visita la mostra. Tra i protagonisti di questo evento troviamo Cyril Lancelin, artista francese tra i più quotati esponenti della inflatable art internazionale. Questo artista per l’occasione ha presentato due opere site specific, tra cui per la prima volta il suo “Knot” in larga scala. Motorefisico ha dato vita ad una infinity room unica nel suo genere con la sua opera “Never ending story”. Signal Creative propongono l’opera “Living forest”, un’installazione interattiva dal valore etico per riflettere sulla tematica della necessaria transizione green delle città. Il pubblico infatti può interagire con l’installazione attraverso un sistema dinamico azionato attraverso delle donazioni che contribuiranno ad un programma di sostenibilità ambientale. Troverete anche tantissimi altri artisti che sapranno stupirvi con le loro opere e vi lasceranno letteralmente a bocca aperta.

Il messaggio più importante del Balloon Museum

Sono davvero tantissimi gli artisti che nel tempo si sono confrontati con l’aria e il suo contenimento entro forme e materie inusuali. Tante anche le sculture create dall’assemblaggio e modellazione di misure e forme differenti. Con molte delle opere presenti al Balloon Museum è possibile interagire e divertirsi. Lo spettatore è invitato ad immergersi nel cuore delle opere, giocare e lasciarsi trasportare dalla fantasia. Insomma è possibile vivere una vera e propria esperienza, diventando anche parte integrante delle opere presenti. Dove finiscono le parole inizia l’arte, così ogni opera diventa portatrice di un importante messaggio sociale. La mostra si afferma come evento responsabile, veicolando valori universali, quali: pace, uguaglianza, libertà e riconciliazione con la natura. Questa responsabilità viene rispettata anche gestendo in maniera sostenibile le varie attività e i vari componenti della mostra stessa. Il Ballon Museum di Roma ha anche una grande sfumatura di green consapevole e ragionata. Tutto ciò perché l’evento è stato creato attraverso la scelta di materiali biodegradabili o riciclabili, con un attento monitoraggio dei cicli di smaltimento per tutta la durata dell’esibizione.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Balloon Museum (@balloon_museum)


Leggi anche: Emily in Paris, grazie a Netflix i suoi look sono sul nuovo shop online – tag24.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *