Il Quotidiano Online
dell'Ateneo Niccolò Cusano di Roma

Iscriviti alla Newsletter

    Network

    4 commenti su “Rdc gennaio 2023: quando pagano il reddito di cittadinanza? Data ricarica”

    1. Riguardo al reddito di cittadinanza non riesco a capire perché me lo hanno dimezzato sono d’ accordo che mia figlia di 20 anni lavora poverina in campagna ma lo fa per se stessa si sa come sono i ragazzi non possono sostenere una madre in tutto anzi dovrebbe essere l incontrarlo da 800 euro a 500 sono vedova con due figli di 20 23 anni se paghi le bollette non si mangia possibile che io debba finire sempre ad elemosinare? avvolte mi viene voglia di suicidarmi vivere per cosa per umiliarmi ogni volta? io non so più che fare per andare avanti ho delle patologie che non mi permettono nemmeno di lavorare cosa fare come devo comportarmi con questa legge che non è una legge giusta

    2. ma se lo dovete togliere (cosa evidente) toglietelo, però almeno date quei famosi posti di lavoro che avete promesso a destra e a manca, io 47 anni invalido al 75 %mi dite voi chi mi assume se non mi aiuta il mio stato, che dovrebbe farmi sentire protetto, poi cosa c’entra il fatto che devono studiare i figli per non perdere il sussidio, mandate me a lavorare ovunque sia, ma se da taranto mi fanno andare a Milano per 1.000€ e ne devo pagare 600 di affitto cosa ho concluso, ma è uno scherzo? spero di aggravarmi morire e togliere il disturbo che do alla mia famiglia 🥀

    3. Idem sono sola e orfana , non ho una famiglia che mi aiuti ne psicologicamente ne economicamente, ho un bambino di 10 anni al quale gli é morto il padre. Io soffro di fibromialgia e artrite diffusa alle ossa che non mi permette di svolgere alcun lavoro. Cosa dovrei fare? No ditemelo voi, che questo stato anziché aiutare i bisognosi li porta ai pensieri suicidi. Complimenti alla meloni, siccome i posti di lavoro erano troppi… Vergogna!

    4. Io sono sola e orfana , non ho una famiglia che mi aiuti ne psicologicamente ne economicamente, ho un bambino di 10 anni al quale gli é morto il padre. Io soffro di fibromialgia e artrite diffusa alle ossa che non mi permette di svolgere alcun lavoro. Cosa dovrei fare? No ditemelo voi, che questo stato anziché aiutare i bisognosi li porta ai pensieri suicidi. Complimenti alla meloni, siccome i posti di lavoro erano troppi… Vergogna!

    Lascia un commento