Esteri

Mykolaiv, Iryna Guley: “I russi vogliono tutti i territori sul mare”

“Questa città è al sud dell’Ucraina e adesso i russi hanno preso tutta la regione di Kherson e adesso cercando di prendere anche Mykolaiv e tramite Mykolaiv vogliono arrivare a Odessa. Così prendono quasi tutti i territori che hanno l’uscita sul mare. Quindi riusciranno a prendere tutto il territorio che volevano prendere”. Così Iryna Guley, giornalista corrispondente dall’Ucraina per Cusano Italia TV.

Mykolaiv, manovre russe a est

“A Mykolaiv ora ci sono le battaglie difficili”, spiega Guley. “Un ponte che si trova nella regione è stato bombardato tanto che hanno tagliato il collegamento con alcune le altre città. Speriamo riescano a ristabilirlo perché se i russi arrivano in queste città sappiamo cosa fanno, anche ai civili.

Oggi alla riunione del G7 il nostro ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha detto quello che aspettiamo. Non solo negoziati. Non parliamo solo dei nostri territori. Che devono essere nostri. Ma parliamo anche del rimborso di quello che ha fatto la Russia nel nostro territorio. Per ricostruire l’Ucraina loro devono pagare”.

Crimea e Donbass, no di Zelensky

“Oggi abbiamo sentito dal nostro presidente Zelensky il messaggio che lui ha dato durante l’intervista a uno dei canali italiani. Questi messaggi sono molto importanti perché vediamo che adesso in Europa ci sono tanti discorsi sul perché non negoziamo. Dicono ‘perché non cedete i vostri territori e così salvate la gente’. Zelensky ha dichiarato che il popolo ucraino dopo tutto quello che hanno fatto i russi nel nostro territorio non vogliono fare i negoziati. E ha ragione. Però ha detto che per salvare le vite della gente, per fermare questa guerra lui è pronto ai negoziati. Ma non cediamo i nostri territori, per noi non è accettabile la separazione del Donbass” ha aggiunto Iryna Guley.

Rivedi l’intervento della corrispondente di Cusano Italia TV durante il Tg delle 19.30 condotto da Lorenzo Capezzuoli Ranchi

Leggi anche: Odessa, Iryna Guley: “Colpito ponte strategico”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *