Cultura

Accadde oggi, 14 gennaio 2015: si dimette Giorgio Napolitano

Accadde oggi, 14 gennaio 2015: si dimette Giorgio Napolitano. Nato a Napoli il 29 giugno 1925, l’11° Presidente della Repubblica Italiana oggi è Presidente emerito. Napolitano è stato al Quirinale dal 15 maggio 2006 al 14 gennaio 2015. E’ stato il primo Capo dello Stato italiano a essere eletto per un secondo mandato.

Accadde oggi, 14 gennaio 2015: si dimette Giorgio Napolitano

In precedenza, Napolitano era stato presidente della Camera dei deputati nell’XI Legislatura, subentrando nel 1992 a Oscar Luigi Scalfaro eletto al Quirinale; ma Napolitano fu anche ministro dell’Interno nel primo governo Prodi.

La lunga carriera politica di Napolitano

Deputato dal 1953 al 1996, europarlamentare dal 1989 al 1992 e poi di nuovo dal 1999 al 2004; senatore a vita dal 2005 (nominato dall’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi) fino alla sua elezione al Colle. È stato l’unico Capo dello Stato a essere stato membro del vecchio Partito Comunista Italiano, e il terzo Presidente napoletano dopo Enrico De Nicola e Giovanni Leone.

La rielezione per il secondo mandato

Il 20 aprile 2013 Giorgio Napolitano fu rieletto al Quirinale diventando così il primo presidente della Repubblica a essere votato per un secondo mandato, oltre che il più anziano nella storia repubblicana al momento della rielezione. Inoltre, è stato il più anziano Capo di Stato d’Europa nonché il terzo al mondo, preceduto solamente dal Presidente della Repubblica dello Zimbabwe Robert Mugabe e da re Abd Allah dell’Arabia Saudita.

La storia di Napolitano da Presidente della Repubblica

Come Capo dello Stato, Napolitano ha conferito l’incarico a cinque presidenti del Consiglio dei ministri: Romano Prodi (2006-2008), Silvio Berlusconi (2008-2011), Mario Monti (2011-2013), Enrico Letta (2013-2014) e Matteo Renzi (2014-2016). E ancora, cinque giudici della Corte costituzionale: Paolo Grossi nel 2009, Marta Cartabia nel 2011, Giuliano Amato nel 2013, Daria de Pretis e Nicolò Zanon nel 2014. Nominò cinque senatori a vita: Mario Monti il 9 novembre 2011, Renzo Piano, Carlo Rubbia, Elena Cattaneo e Claudio Abbado il 30 agosto 2013.

La storia, anche la storia della politica, su Radio Cusano Campus e Cusano Italia TV a cura di Fabio Camillacci. “La Storia Oscura”, dal lunedì al venerdì on air sulla radio dell’Università Niccolò Cusano dalle 16 alle 17.30. “A Spasso nel Tempo”, in onda sul canale 264 del digitale terrestre alle 20.30 del venerdi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *