Cultura

Accadde oggi, 7 gennaio 1797: nasce il tricolore italiano

Accadde oggi, 7 gennaio 1797: nasce il tricolore italiano. Dopo la proclamazione della Repubblica Cispadana, il Congresso di Reggio Emilia proseguì faticosamente e confusamente i suoi lavori, segnato ancora da molti contrasti.

Accadde oggi, 7 gennaio 1797: nasce il tricolore italiano

Al conflitto tra la visione unitaria e quella federale che già aveva caratterizzato lo scontro iniziale con i Bolognesi, e che aveva portato la decisione di far decadere le autorità locali a prevalere solo con 51 voti contro 49, si aggiunse e si intrecciò quello tra la tendenza democratica e la prevalente estrazione moderata dei deputati, e questo sia sui principi sociali ed economici che su quelli relativi alla libertà di culto.

La grande incertezza

Per molti giorni dunque i lavori andarono avanti in modo strano e con un evidente contrasto tra l’affermazione dell’unità assoluta e le esitazioni a darvi concreta attuazione. In sintesi, si ondeggiò tra discussioni astratte e questioni concrete, quali furono le mozioni del deputato modenese Isacchi, approvate all’unanimità, affinché la neonata Repubblica realizzasse un censimento della sua popolazione e avviasse gli studi per creare una prima carta topografica completa del territorio Cispadano.

Il primo tricolore verde, bianco e rosso

In questo contesto di incertezza e improvvisazione, il Congresso trovò comunque un momento altamente unitario: il primo avvenne proprio il 7 gennaio 1797 e fu l’unanime approvazione, su mozione del deputato e sacerdote lughese Giuseppe Compagnoni, del vessillo tricolore che egli propose di rendere universale, rispetto a quelle delle coorti Cispadane dei vari territori, formato dai colori verde, bianco e rosso disposti orizzontalmente e con al centro le 4 frecce rappresentanti i territori della stessa Repubblica Cispadana (nella foto il tricolore capovolto con i colori disposti orizzontalmente come era ai tempi della Repubblica Cispadana).

La storia, anche la storia dello sport, su Radio Cusano Campus e Cusano Italia TV a cura di Fabio Camillacci. “La Storia Oscura”, dal lunedì al venerdì on air sulla radio dell’Università Niccolò Cusano dalle 16 alle 17.30. “A Spasso nel Tempo”, in onda sul canale 264 del digitale terrestre alle 20.30 del venerdi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *