Spettacolo

Teatro Sistina: i performer dell’Accademia Il Sistina sono la novità

Teatro Sistina: è cominciato il conto alla rovescia per la grande riapertura prevista il 7 dicembre, con l’altrettanto importante spettacolo Mamma Mia. Cosa c’è di nuovo? Lo abbiamo chiesto a Jacopo Sarno, attore e cantante, e parte integrante del cast. “Mamma Mia è sempre Mamma Mia, siamo noi ad essere cresciuti e cambiati, maturati – ha detto Jacopo Sarno, in una intervista rilasciata in esclusiva per TAG24 – l’intero settore è stato messo a durissima prova, per questo siamo tutti emozionati e felici di salire sul palco: avremo sempre il pontile, l’acqua in scena, l’orchestra dal vivo, la novità più eclatante è l’ingresso di nuovi performer che vengono dall’Accademia Il Sistina. Sono una nota di speranza, per chi vuole studiare per fare questo mestiere.”

Teatro Sistina: Mamma Mia dà speranza, spensieratezza

Mamma Mia è lo spettacolo che serve in un momento difficile, “è uno spettacolo che fa ridere, piangere. Emoziona. Esserci alla riapertura del Sistina è per me un onore grandissimo – ha aggiunto Jacopo Sarno – spero l’inaugurazione de Il Sistina possa fare da apripista a tutti gli altri teatri e agli altri musical. Vorrei si potesse tornare a vivere il teatro in sicurezza.”

Mamma Mia: ammirevole il lavoro di Massimo Romeo Piparo

A proposito del regista Massimo Romeo Piparo, Jacopo Sarno ha sottolineato: “Ha fatto un bellissimo lavoro, e tutti noi con lui. Mamma mia è un gioiello: una torta con tutti gli ingredienti nelle giuste dosi. Dalla scenografia alle luci, agli interpreti, alle liriche in italiano.”


Dopo aver trascorso anni interi senza poter lavorare il mondo dello spettacolo è pronto a ripartire, con l’energia giusta e il desiderio di fare bene, sempre meglio un lavoro che è grande passione. “L’energia che si scatenerà su quel palco dal 7 dicembre è come una dinamo che gira da tre anni senza rilasciare corrente – si è congedato Jacopo Sarno – se il pubblico risponderà come speriamo saranno repliche indimenticabili.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *