Attualità

Super Green Pass: tutte le posizioni fra governo e Regioni

Il Super Green Pass si impone prepotentemente nella discussione politica di oggi. L’esecutivo ancora studia le misure ma, se come dicevano i latini, in medio stat virtus, è probabile che Mario Draghi deciderà per una via di mezzo fra le posizioni soft e quelle più dure fra ministri e presidenti di Regione.

La conferenza Stato-Regioni

Ieri pomeriggio si è tenuto l’incontro telematico fra l’esecutivo e le Regioni. Ancora una data per l’entrata di questo provvedimento non c’è, anche se i bene informati evidenziano che potrebbe arrivare già fra una settimana, con l’arrivo del mese di dicembre. Alla riunione hanno partecipato per il governo la ministra degli Affari regionali e le Autonomie Maria Stella Gelmini, il ministro della Salute Roberto Speranza e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli.

Le differenti opinioni sul Super Green Pass: le Regioni

Dai territori è arrivata una chiara richiesta: maggiori restrizioni solo ed esclusivamente per coloro che non hanno aderito alla campagna vaccinale.

Insomma, lockdown solo per i non vaccinati.

E l’ipotesi che sembra più farsi avanti è quella di attuare il Super Green Pass a partire dalla zona arancione, quando le restrizioni scatteranno effettivamente tranne per i vaccinati. C’è chi, come il neo-presidente della Calabria Roberto Occhiuto, vorrebbe questa impostazione a partire da subito e di estendere il Super Green Pass già in zona bianca.

Chi invece ha fatto già da sé, come il presidente Arno Kompatscher che ha deciso di istituire una vera e propria zona rossa per circa 20 comuni altoatesini e riportare l’obbligo di mascherina all’aperto e coprifuoco.

Super Green Pass come tutela delle attività produttive

Questo è il pensiero del presidente della Lombardia Attilio Fontana: “L’importante è tutelare la sicurezza delle aperture, la continuità delle attività commerciali e imprenditoriali e tutelare chi ha fatto proprio dovere, rispettando richieste dello Stato”, e poi avverte “non deve esserci inerzia”.

Maggiori tutele alle frontiere: la richiesta di Liguria e Valle d’Aosta

Giovanni Toti chiede un “aumento dei controlli alle frontiere con i Paesi di maggiore circolazione”. Gli fa eco il suo omologo valdostano, Erik Lavevaz che chiede di “tutelare la stagione turistica invernale”.

La proposta di Musumeci: obbligo vaccinale per tutti

Il presidente siciliano Nello Musumeci invece è ancora più duro dei suoi omologhi e spinge affinché dall’esecutivo venga varato un provvedimento sull’obbligo vaccinale per tutta la popolazione. Una posizione, attualmente difficilmente applicabile, che renderebbe quindi la discussione sul Super Green Pass superata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *