Attualità

Green Pass: restrizioni a breve

Green Pass : restrizioni a breve

Settimana decisiva per il Green Pass, si modifica a breve. Ormai il governo sembra essere convinto che sia necessaria una stretta. Si fa strada l’idea di introdurre restrizioni solo per le regioni che cambieranno colore passando a zona arancione o rossa, ma le misure riguarderanno solo i non vaccinati.

Green Pass restrizioni non vaccinati

Questi, di fatto non avrebbero più accesso a attività culturali (musei, cinema e teatri), ma anche a quelle sociali e ricreative, come discoteche, palestre, stadi e ristoranti. Certa la riduzione della durata del Green Pass, che verrà limitata a 9 mesi.

Incontro Governo Regioni

Per discutere di eventuali modifiche al Green Pass “ci sarà a breve, nei primi giorni della settimana, un incontro con le Regioni. Con il certificato verde noi stiamo tenendo aperto il Paese e gli spazi di libertà che abbiamo conquistato”. Lo ha detto la ministra per gli Affari Regionali, Mariastella Gelmini, oggi a Rho, per la presentazione della Fiera dell’edilizia.

Il ruolo del Cts

“Le scelte sul green pass le abbiamo già fatte- continua Gelmini- è chiaro che se ci sarà da parte del Cts la richiesta di rivederlo o magari accorciare la durata, noi seguiremo sempre le indicazioni della scienza”. Per i non vaccinati, invece, “non stiamo pensando nulla- va avanti la ministra- il Paese è aperto.

Regole Green Pass

Intanto il Governo difende strenuamente quanto stabilito fino adesso, difesa confermata dalla Ministra Gelmini che afferma che “le regole che ci siamo dati non solo rispetto al certificato verde ma anche alle regole nuove che abbiamo posto sul trasporto pubblico locale, il distanziamento e altre misure, ci stanno consentendo di tenere aperto”.

Il ruolo delle Regioni

Tuttavia, “è chiaro che c’è- riconosce la ministra- una richiesta delle Regioni”, di valutare, specie nel caso di un peggioramento della situazione, la possibilità “di non penalizzare quell’85% degli italiani che hanno fatto le vaccinazioni e che, quindi, hanno messo in sicurezza se stessi e gli altri”, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *