Attualità

Assisi, Il Papa e il reddito di cittadinanza

Assisi e i poveri

Assisi, i poveri e il Papa:“Il grido dei poveri è il grido dei tanti Lazzaro che piangono, mentre pochi epuloni banchettano con quanto per giustizia spetta a tutti “. Queste parole furono pronunciate da Papa Francesco, durante l’omelia, nella giornata mondiale dei poveri del 2018. Oggi ad Assisi, il Pontefice incontrerà 500 poveri, nella città  del Santo che con la propria vita ha rappresentato questa condizione.

Le parole del Papa

Il Papa ha sempre ricordato a tutti, che giudicare con disprezzo la povertà, non solo è un atto vigliacco ma significa anche non riuscire a capire cosa rappresentano i poveri per il futuro dell’umanità e quale strada aprono nella nostra redenzione:“Se agli occhi del mondo hanno poco valore  sono loro che ci aprono la via al cielo, sono il nostro passaporto per il paradiso” (Omelia del 2017)

Cercare Gesù e trovare i poveri

Trovare Gesù, per chi lo ricerca, è molto semplice, secondo il Papa, basta non voltare le spalle agli indigenti perché “i credenti, quando vogliono vedere di persona Gesù e toccarlo con mano, sanno dove rivolgersi: i poveri sono sacramento di Cristo, rappresentano la sua persona e rinviano a Lui”.

Il Reddito di cittadinanza

La visita di oggi ad Assisi del Papa e l’incontro con i poveri , nella V giornata mondiale dedicata ad essi, tocca nuovamente un tema vasto e drammatico, nel mezzo del dibattito italiano sul reddito di cittadinanza, misura di sopravvivenza per milioni di famiglie italiane, che ha i suoi problemi soprattutto per quanto riguarda i truffatori che se ne appropriano indebitamente.

I falsi invalidi

Si chiede di eliminare il reddito di cittadinanza perché ci sono i ladri. Non può essere questa la ragione per sopprimere un provvedimento, anche perché, con lo stesso metro di giudizio, bisognerebbe abolire le pensioni e gli assegni d’invalidità perché da anni esistono i falsi invalidi.

La domanda del povero

“Nel povero Gesù bussa al nostro cuore e, assetato, ci domanda amore”, anche il Pontefice quindi, indirettamente,  difende il reddito dei poveri, una domanda d’aiuto a cui dobbiamo sempre rispondere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *