Sport

Campagna a Cusano Tv: “Sarà un Settebello di grande avvenire”

Il Settebello di Sandro Campagna ha iniziato il suo percorso che porterà alla prossima Olimpiade di Parigi. Il cammino è iniziato a Imperia dove ha disputato un match intenso e ben giocato contro la Croazia alla piscina Felice Cascione.

Un test match importante che sarà replicato a Zagabria il prossimo 7 dicembre in occasione di un common training. Il tecnico Campagna è intervenuto a Cusano Italia Tv nel corso della trasmissione Sporting Club, condotta da Gianluca Scarlata. Il CT ha illustrato la strada e anche delineato le linee guida per i futuri protagonisti.

“Questi appuntamenti servono per capire a che punto sono i giovani per poterli inserire in questa squadra. Voglio vedere ruolo per ruolo se abbiamo dei ricambi adeguati, abbiamo tanti ragazzi interessanti nel nostro campionato che hanno iniziato a giocare in maniera stabile nei club, abbiamo iniziato anche un progetto tecnico con le nazionali giovani, da cui attingiamo questi ragazzi e che nel corso di questi ultimi 12 anni ci hanno regalato successi e medaglie, ci dovrà esser un ricambio generazionale, ringiovanendo la rosa. Ci sono i tempi per creare un ciclo positivo e vincente. Con le prossime sei partite tra test match in Croazia e Spagna e World League avrò le idee più chiare. C’è la necessità che i migliori under 18 e 16 possano crescere e migliorare per poter poi esordire con la nazionale seniores, ma per farlo mi devono dare delle garanzie. Abbiamo un grande staff tecnico a tutti i livelli, gente che sa di pallanuoto e spesso ha giocato a grandi livelli, ringrazio per questo la FIN”.

Il lavoro dei prossimi tre anni

“Nei prossimi tre anni ci dovrà essere la continuità, vogliamo far giocare a questi ragazzi il maggior numero di partite, ci saranno tante attività nazionali e internazionali. Questa è una nazional popolare abituata a stare in alto, dovremo fare i conti con tante squadre che stanno emergendo, dovremo far ancora attenzione alla Serbia, anche se il ricambio che hanno non è all’altezza dell’attuale formazione, attenzione a Stati Uniti, Spagna, Croazia. Aicardi? Vedremo, a Parigi avrà 38 anni, le alternative potrebbero essere Di Somma, Fondelli, Dolce, Presciutti o anche lui stesso se starà bene. Avremo una nostra caratteristica di gioco. Ma siamo sulla buona strada per fare grandi cose”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *