Politica

Il suicidio assistito come il DDL Zan

La legge sul suicidio assistito rischia di non vedere mai la luce

I diritti civili continuano a dividere il Parlamento e la legge sul suicidio assistito rischia di fare la stessa fine del Ddl Zan. A denunciare il fatto è il deputato del Movimento 5 Stelle Aldo Penna che, in una nota, ha raccontato quanto sta accaduto durante la riunione congiunta delle commissioni Affari Sociali e Giustizia.

“Il leghista Pagano – ha spiegato Penna – ha minacciato per la legge sul suicidio assistito lo stesso destino del DDL Zan, se i sostenitori del testo base non scenderanno a compromessi”

Suicidio assistito, le fake news

“Ha poi proseguito con toni apocalittici – ha aggiunto Penna- sostenendo che l’approvazione della legge sul suicidio assistito potrebbe portare alla soppressione di vecchi e malati indesiderati. E per finire ha sostenuto che le sentenze della Corte su Cappato non stabiliscono principi vincolanti per il parlamento”.

“Uomini come Pagano sono la negazione del cristiano principio della misericordia e procedono con la forza arrogante delle falsificazioni storiche e documentali a minacce – ha concluso Penna – che vanno solo restituite all’autore perché intraprenda un percorso di ravvedimento che lo metta in sintonia con quesì precetti cristiani di cui pensa di essere difensore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *