Esteri

Bosnia, boom turistico per le mandrie di cavalli selvaggi

I cavalli selvaggi che galoppano tra le aspre montagne della Bosnia occidentale attirano turisti, ma fanno arrabbiare anche gli agricoltori che li vedono come parassiti. Il numero di cavalli che vagano sull’altopiano di Kruzi, ai piedi del monte Cincar, è aumentato negli ultimi 30 anni e intraprendenti appassionati hanno iniziato a organizzare tour di safari fotografici.

Cavalli selvaggi e tour fotografici

Circa un migliaio di cavalli vivono sull’altopiano, molti dei quali rilasciati in libertà dai loro proprietari mentre le macchine li sostituivano nei campi, ha affermato il fotografo Marin Mamuza, che nel 2019 ha aperto un’agenzia turistica che offre turismo d’avventura. Mamuza ha affermato che la pandemia ha aumentato il numero di turisti bosniaci in arrivo dalla vicina città di Livno per vedere i cavalli selvaggi.

Le proteste degli agricoltori per i danni provocati dai cavalli

L’imprenditore vede un grande potenziale nei cavalli e sta facendo pressioni sulle autorità locali per la loro protezione, ma gli agricoltori affermano che i cavalli danneggiano i loro allevamenti, distruggono i raccolti e combattono con le mucche per le risorse idriche.

L’allevatore di bestiame Benjamin Varupa ha raccontato di aver dovuto sopprimere alcune mucche dopo che i cavalli le avevano ferite e dubita che si possa trovare una soluzione per conciliare gli interessi contrastanti di allevatori e cavalli. Il sindaco di Livno, Darko Condric condivide l’opinione di Mamuza e ha detto alla Reuters che la sua amministrazione vuole risolvere i problemi con gli agricoltori. Il governo della città di Livno ha approvato una delibera per proteggere i cavalli nel 2009, ma l’ha ritirata nel 2017 a causa del costo delle richieste di risarcimento da parte di agricoltori e conducenti per incidenti stradali causati quando i cavalli si sono avvicinati ai centri abitati in inverno per leccare il sale dalle strade. Mamuza ha detto che vorrebbe vedere l’intera area protetta e un giorno dichiarata parco nazionale in modo da rendere la zona sicuramente una delle maggiori attrazioni turistiche del paese.