Attualità

Ripartenza: dal certificato verde al green pass, pronti per salire a bordo?

Ripartenza: se non hai il green pass sei fuori, e se ce l’hai e non sai di aver appena contratto il virus? Sei dentro e sei un rischio per te stesso e per gli altri. E se non hai il green pass, e non hai mai avuto il Covid e non sei stato contagiato e non sei un problema per nessuno e allo stesso tempo sei fuori? Se non si parla di green pass si parla di certificato verde, che è la stessa cosa. E’ più o meno uno scioglilingua, simile ad uno scacciapensieri, il tema del green pass ha monopolizzato l’opinione pubblica e la ripresa. Settembre è una sorta di Capodanno, per tutti, da sempre: per i bambini, per gli adulti, si comincia un nuovo anno di lavoro e attività. La campanella suonerà tra poche ore e non si parla d’altro che non sia il certificato verde. Mentre il mercato del lavoro, sia pubblico che privato, non ha ancora obblighi, ma ben presto le misure potrebbero diventare più stringenti pure nelle aziende.

L’appuntamento televisivo

Ripartenza: dopo la pandemia, dopo la crisi umana ed economica con cui ci siamo trovati a fare i conti, la riorganizzazione sociale riparte dal certificato verde. Avete il green pass? Se sì salite a bordo. E la DAD, lo smart working? Che anno sarà? A quali difficoltà potremmo andare incontro? Come viene vissuta la ripartenza dagli adulti e dai bambini? Ne parleremo a Pomeriggio con noi, con Maria Tinto, psicoterapeuta ed Enrico Luciani, vice presidente nazionale di UE Coop, su Cusano Italia TV, canale 264 del DTT.

In viaggio verso il mondo nuovo

Ripartenza: la verità è che ci troviamo ad affrontare un inizio fuori dall’ordinario, quasi post-Covid. La pandemia ha spazzato via vecchie certezze e ci ha proiettati verso una dimensione quotidiana altra rispetto a quella che abbiamo vissuto fino ad oggi. L’aumentata consapevolezza sulle potenzialità del digitale dovrebbe favorire dinamiche più smart nella vita di tutti i giorni: chi e come accompagneremo il mondo nuovo a diventare tale?