Lavoro e Formazione

L’uovo di Colombo: il metodo di insegnamento e di apprendimento

L’uovo di Colombo spiega il Metodo di insegnamento Milani con linguaggio chiaro e semplice. L’intento dell’autrice di parlare a chiunque, insegnanti, studenti e curiosi, è chiaro, così come il continuo sottolineare l’importanza del sapere, anzi del “capire bene”. “Capire bene” sono le parole che ricorrono più di altre nel testo. Sapere ed essere formati, e bene informati, porta le persone a considerazioni corrette, a stare bene alla larga dai manipolatori seriali e al contenere il continuo perpetrarsi di fake news, o bufale. Quante delle notizie che circolano sono false? Perché non siamo in grado di discernere il vero dal falso? Come riconoscere le manipolazioni? Col sapere e la conoscenza approfondita.

Spesso crediamo di aver capito

Ecco in tre righe il senso delle 239 pagine edite Vallardi scritte, pensate e studiate, dalla professoressa Isabella Milani. “Molto spesso crediamo di aver capito, quando in realtà ci siamo solo fatti un’idea approssimativa, a volte addirittura sbagliata”, afferma la professoressa Milani. Riconoscere di non aver capito o di aver valutato una persona, una relazione, una notizia, con superficialità e leggerezza è il passo più importante da compiere per realizzare il Metodo. Il Metodo Milani consiste nel definire l’area di interesse, porsi delle domande e arrivare alle risposte. E’ il processo che porta alla conoscenza, alla verità e al successo. Se i dubbi e le domande aumentano il senso critico in ognuno di noi sarebbe bene fare tutti un passo indietro e prima di rispondere chiedersi, prima di dubitare definire!

Le cause della non comprensione e diffusa manipolazione

L’uovo di Colombo torna a ricordarci l’importanza dello studio e della riacquisizione del tempo del pensiero. Nella società liquida, del tutto e subito e quindi della superficialità, abbiamo disimparato a pensare, prima di essere certi dei giudizi e delle quotidiano sentenziare su tutto e tutti sarebbe bene dubitare, quindi informarsi, studiare e capire bene. La DAD, ad esempio, è l’ultimo fallimento della scuola pubblica italiana, è un esame che la scuola non ha superato, una prova che richiede applicazione, conoscenza e Metodo.