Spettacolo

“Cherry”, Tom Holland protagonista del nuovo film dei fratelli Russo

Dopo aver diretto gli ultimi grandi successi Marvel, direttamente da Avengers Endgame, i fratelli Russo si lanciano in un nuovo progetto, un film dalle tinte cupe, racconto di formazione dall’atmosfera dark che passa per la love story straziante, gli orrori dell’Iraq, l’incubo della tossicodipendenza. Abbandonate le grandi avventure, i costumi sgargianti e gli effetti speciali dei Vendicatori si concedono a uno stile ben più realista e autoriale. Cherry – Innocenza perduta è l’adattamento cinematografico del romanzo semi autobiografico di Nico Walker. L’autore, arruolatosi a soli diciannove anni, prese parte a ben 250 missioni in Iraq e, tornato in patria, sviluppò un serio disturbo da stress post-traumatico. Da teenager a veterano la metamorfosi non finisce perché una volta a casa diventa completamente dipendente dagli oppioidi e, pur di finanziare il suo nuovo disperato stile di vita, deve reinventarsi – un’ultima volta – rapinatore di banche. L’eroina è l’unica arma che gli resta per fronteggiare l’ansia, ultimo baluardo contro le voci nella testa.

Dopo il debutto americano in poche sale selezionate, Cherry è ora disponibile su Apple TV+. Ambientato in Ohio – i registi italoamericani sono originari di Cleveland e conoscono personalmente Walker, uscito di prigione nel 2019 dopo undici anni e un libro scritto in carcere – le riprese si svolgono in California solo per questioni di budget. Tom Holland è il tipico ragazzo da college americano, forse un po’ troppo timido, chiuso in se stesso. Qualcosa in lui cambia quando incontra Emily, un’ottima Ciara Bravo. I due si innamorano perdutamente, lei è attratta dalla sua sensibilità ma sarà proprio questa a rompere l’idillio. Quando gli annuncia improvvisamente di volersi trasferire a Montreal per studiare, l’esistenza del nostro Holland va in frantumi e preso da un attacco di disperazione decide di arruolarsi come soccorritore. Rientrata la crisi di coppia il dado è tratto, dopo un matrimonio lampo il suo gesto sconsiderato lo condanna a partire per l’Iraq. Due anni difficili lasceranno ferite indelebili. Una volta tornato a casa sano e salvo, piani e progetti per il futuro che avevano tenuto in vita il loro amore non andranno proprio come previsto. Per affrontare le conseguenze della sua avventura al fronte diventerà dipendente dai farmaci e poi dalle droghe, trascinando nel baratro anche l’amata Emily. 

Cherry (soprannome di chi ancora non ha partecipato ad azioni belliche) è quantomai necessario nel suo nobile intento di far luce sul problema dei disturbi mentali, della mancanza, ancora oggi, di una valida rete sociale a supporto dei reduci e soprattutto della necessità di un’educazione all’uso dei farmaci. Proprio durante la pandemia, infatti, il consumo di oppioidi negli Stati Uniti ha segnato nuovi record. La critica USA loda la performance della co-protagonista Bravo e di Holland, che si stacca – anche se solo per poco – dallo Spiderman di Peter Parker, ma boccia il film per la ricerca ossessiva di realismo. Cherry è la cruda rappresentazione di una generazione Z fragile e abbandonata alla crisi sociale, un ritratto tanto amaro dell’America post 11 settembre da risultare quasi artificioso, venendo meno, più di una volta, anche a quel autoimposto realismo estremo.