Lavoro e Formazione

NHOE: grandi risultati per il progetto DEMOS II. Nel team, un Ricercatore e uno studente della Unicusano

Sono andati a buon fine i primi collaudi dei sistemi di rotazione modelli e di movimentazione sonde sviluppati e realizzati nell’ambito del progetto TWING/F e tenutisi ad Aprilia, presso la NHOE, l’8 ottobre scorso. Nel team, un Ricercatore e uno studente di Ingegneria della Unicusano.


a cura di Michela Crisci


Sviluppati e realizzati in TWING/F due sistemi per le prove sperimentali in IWT (IcingWind Tunnel)

Twing/F è un progetto europeo, finanziato nell’ambito del FRC (Fast RotorCraft) del programma CleanSky2. Rispetto al programma originario, Twing è stato ampliato per includere una campagna di test in galleria del vento su un profilo aerodinamico estratto tra quelli dell’ala NGCTR.

Con riferimento a questa attività, il CIRA (Centro Italiano Ricerche Aerospaziali) ha il compito di eseguire i test aerodinamici in galleria e caratterizzare il profilo, per farlo utilizzerà 2 sistemi: il primo (DEMOS II), per la rotazione del modello di galleria secondo leggi di moto di rampa e, il secondo (Traversing), per spostare verticalmente da remoto un apparato contenente le sonde in grado di acquisire le pressioni nella scia del modello 2D; questo secondo sistema è stato sviluppato per aumentare la produttività delle prove in quanto non sarà più necessario ad ogni cambio dell’angolo di attacco fermare il flusso ed entrare in galleria per modificare la posizione delle sonde potendo operare da remoto.

Nel corso di un precedente progetto CleanSky JTI GRC la società NHOE ha sviluppato e realizzato il sistema di oscillazione di modelli durante il flusso DEMOS, usato poi in IWT per testare un modello dotato di Gurney Flap. Tale sistema è stato adattato alle nuove esigenze nel progetto DEMOS II. Il primo passo nell’accettazione dei sistemi, sviluppati e realizzati nell’ambito del progetto TWING / F, ha avuto successo. La revisione si è svolta presso la sede del produttore (NHOE) l’8 ottobre 2020. Entrambi i due sistemi saranno consegnati al CIRA nelle prossime settimane per essere installati in IWT.

Unicusano e NHOE, una collaborazione che si intreccia per ottenere grandi risultati grazie al valore del capitale umano

NHOE è una società innovativa e ad elevato contenuto scientifico e tecnologico. Nata come “Innovative Start Up Company”, ad oggi è una “PMI Innovativa” coinvolta in importanti attività di R&D sia a livello tecnico che economico come DEMOS II, EULOSAM II, VENUS ed ERACLE nell’ambito delle ricerche per innovazione “green” aeronautica HORIZON 2020, oltre che nell’ambito ESA innovazione per sistemi Spazio di telecomunicazione con i programmi 1000 BEAMS (AO9273), SPC AMPLIFIERS (AO/1-10031/19), MULTI-BAND POWER COMBINER (AO9754–01).

Presso la NHOE lavorano Cosimo Trianni e Luca Cucinella. Entrambi hanno un legame con la Cusano: Cosimo ha un assegno ricerca presso i Laboratori di Ingegneria dell’Unicusano, grazie al quale collabora e lavora ai progetti sviluppati dall’azienda NHOE; Luca è uno studente dell’Ateneo – che oltre a studiare ingegneria meccanica (laurea magistrale) e frequentare i laboratori all’avanguardia nel campus universitario – è stato assunto proprio in NHOE un annetto fa.
Il duo si è occupato di parte della progettazione, realizzazione, allestimento e test del sistema DEMOS II, un progetto che deriva da una precedente attività di ricerca – DEMOS appunto – oggetto di studio cinque anni fa e finanziata da CleanSky Joint Undertaking all’interno del programma di ricerca e sviluppo FP7, poi Horizon2020 dell’Unione Europea, così come del Traversing sistema sviluppato specificamente per TWING/F.

DEMOS II verrà utilizzato per caratterizzare il profilo aerodinamico di una specifica sezione dell’ala del convertiplano (apparecchio che ha la possibilità di ruotare le eliche dalla configurazione verticale a quella orizzontale e viceversa, così da potersi “trasformare” da elicottero ad aereo), la caratterizzazione sperimentale delle caratteristiche dell’ala sono necessarie per fornire agli ingegneri aerodinamici una validazione delle loro analisi numeriche.

Il Laboratorio di Ingegneria, il fiore all’occhiello dell’Università Niccolò Cusano, collabora con la NHOE su diversi progetti fornendo sia personale altamente qualificato per attività di Ricerca sia mettendo a disposizione l’attrezzatura presente al suo interno.

Intervista a Cosimo Trianni e Luca Cucinella

– Quali sono gli sviluppi futuri del progetto?

Il sistema DEMOS II (sistema che permette la rotazione del modello di galleria secondo leggi di moto di rampa) servirà sostanzialmente per effettuare i test relativi alla campagna Twing, mentre il sistema Traversing (sistema utilizzato per spostare verticalmente da remoto un apparato contenente le sonde in grado di acquisire le pressioni nella scia del modello 2D) rimarrà al Cira come sistema di caratterizzazione dei flussi, di proprietà della galleria stessa; l’8 ottobre abbiamo effettuato un collaudo del funzionamento per la consegna dei due sistemi ultimati.

– Quali benefici pratici si avranno da questa ricerca?

I benefici pratici sono volti ad un contributo sperimentale relativo allo studio delle varie configurazioni di un convertiplano, e alla caratterizzazione dei flussi su ala in galleria del vento. Inoltre, come già detto, abbiamo fornito alla galleria del Cira il Traversing, un sistema che ne aumenterà significativamente la produttività permettendo una rapida caratterizzazione dei flussi anche per futuri test aerodinamici che vi si terranno in futuro.

– Una vostra dichiarazione su questo progetto e le soddisfazioni che vi ha dato e sta dando…

Sicuramente per entrambi è stato motivo di grande crescita professionale, sia da un punto di vista di progettazione meccanica che di gestione dei test, e allestimento. Abbiamo infatti seguito entrambi le varie fasi di montaggio del sistema hardware e software, test, compilazione dei documenti ufficiali, e logistica.

– E i laboratori di ingegneria della Cusano?

Per entrambi l’esperienza maturata al DroneLab è stata un punto di partenza per affrontare al meglio questi aspetti più pratici legati al mondo del lavoro in campo ingegneristico.