Attualità

Smile Amici di Ilaria: nasce il progetto “Un sorriso a distanza”

Dopo il “Progetto Calcio integrato”, l’Associazione “Smile Amici di Ilaria” scende nuovamente in campo per incoraggiare ancora il valore di un sorriso. Al via il progetto “Un sorriso a distanza” rivolto a bambini e ragazzi con disabilità.

Cambieremo il mondo, un sorriso alla volta.

Esiste un linguaggio universale in grado di essere compreso da tutti i popoli: il sorriso. Infatti, come scrive Marianne LaFrance:

«I sorrisi sono universalmente riconosciuti e compresi per quello che mostrano e trasmettono, ma non necessariamente per quello che fanno. I sorrisi sono molto più che espressioni gioiose. Sono atti sociali che hanno delle conseguenze».

Sorridere è dunque un atto semplice che può aiutare noi stessi e gli altri a star meglio. E da questa vision, nella provincia di Frosinone, è nato il progetto Un sorriso a distanza rivolto a bambini e ragazzi con disabilità.

A lanciare e promuovere ardentemente il progetto ludico-ricreativo è l’Associazione “Smile Amici di Ilaria”, con il sostegno e il supporto dell’Università “Niccolò Cusano” e della XV Comunità Montana Valle del Liri.

Un sorriso a distanza, il nuovo progetto dell’Associazione “Smile Amici di Ilaria”

Le famiglie non possono essere lasciate sole, “Smile Amici di Ilaria” lo sa bene e da tempo si adopera per essere un punto di riferimento sul territorio per favorire l’integrazione sociale attraverso attività ludico-ricreative come il calcio integrato (progetto ambizioso che si è subito diretto oltre i confini della regione Lazio per avviare un gemellaggio con il Comune di Venezia).

Per lo stesso nobile scopo, nasce il progetto Un sorriso a distanzaUn progetto che abbraccia solidarietà, volontariato e comunicazione. Un progetto che si è sviluppato sfruttando il potere dell’online, attraverso l’uso dei canali social (pagina Fb dell’Associazione), e che ha cavalcato l’onda del #iorestoacasa in tempo di emergenza Covid-19. Video tutorial e attività ludiche che non sono semplicemente un passatempo, ma diventano – grazie ai professionisti che ne prendono parte – azioni di supporto psicopedagogico, psicomotorio, logopedico e motorio ai bambini con disabilità.

Riportiamo integralmente il messaggio con cui la dott.ssa Rita Di Folco – staff “Amici di Ilaria” – ha presentato il nuovo progetto di inclusione.

Ci sono momenti in cui tutti noi abbiamo bisogno di essere sempre più vicini e per questo oggi noi proponiamo il progetto “Un sorriso a distanza”, al fine di soddisfare l’esigenza e la necessità di ciascuno nel non sentirsi più soli e abbandonati, in un momento così difficile in cui tutti combattiamo “il Nemico Invisibile”. Noi entriamo in campo e giochiamo la nostra Partita! Sfidiamo l’incertezza, sfidiamo le paure ma soprattutto la solitudine e lo smarrimento di tutte le famiglie che in questo momento pensano di essere sole.
NOI CI SIAMO! Noi entriamo in campo attraverso varie figure di supporto psicopedagogico, psicomotorio, logopedico e motorio ai bambini inseriti nel progetto Un sorriso o distanza.
Come giocheremo questa partita? Gli interventi saranno condivisibili attraverso la pubblicazione della Pagina Facebook “Smile Amici di Ilaria”. I video dimostrativi e video tutorial suggeriranno le attività da poter far svolgere ai bambini in casa; grazie alla collaborazione di mamma e papà; saranno coinvolte intere famiglie che attraverso attività ludiche e ricreative scopriranno il valore del sorriso. Infine sarà attivo uno sportello di ascolto per quanti avranno l’esigenza di un supporto o manifesteranno bisogni di vario genere o avranno necessità in questo momento di essere accolti e ascoltati.
Il mondo sta cambiando senza nemmeno accorgercene; le nostre vite, le nostre abitudini non saranno più le stesse, dunque la nostra Associazione vuole correre insieme a voi per farsi trovare pronta ad accogliere il futuro senza più paure e ansie inutili.

“Non temete i momenti difficili, il meglio viene da lì.” Ce lo ha insegnato la grande Rita Levi Montalcini e noi ne vogliamo far tesoro.

Con Affetto.

Dott.ssa Rita Di Folco (Staff “Amici di Ilaria”)

 

***A cura di Michela Crisci***