Accadde oggi

Dal grande al piccolo schermo – i film in TV questa settimana

In questa Pasqua insolita sono molte le proposte cinematografiche dei network televisivi, ecco una rassegna di alcuni film che verranno trasmessi durante la settimana sui canali in chiaro del digitale terrestre.

Questa sera

Salvate il soldato Ryan – 23.10 Iris canale 22

1998, Steven Spielberg firma un war movie destinato ad entrare nella storia del cinema tra i classici del genere. Tom Hanks è memorabile, capitano dei Marines partecipa allo sbarco in Normandia con l’obiettivo di riportare a casa l’ultimo superstite, ormai congedato, di quattro fratelli tutti impegnati sul fronte. Estremo realismo in apertura per la celebre scena dello sbarco sotto il fuoco tedesco, con braccia che si staccano e budella che esplodono. Il registro cambia per un secondo tempo più ragionato dove ci si interroga sulla guerra, sul perché di tanti morti, senza trovare risposte. Un film in cui Spielberg torna a raccontare alcuni aspetti di quella follia collettiva che è la guerra, dopo il già premiatissimo Schindler‘s list, dal suo punto di vista e con il suo linguaggio partendo da un fatto storico drammatico quanto scenografico.

Split – 23.15 Italia 2 canale 66

Split è forse il thriller, con sfumature horror, più interessante dell’ultimo periodo. M. Night Shyamalan, regista che non ha sempre brillato negli ultimi anni, inserisce il film del suo riscatto all’interno di un’ipotetica trilogia iniziata nel 2000 con Unbreakable – il predestinato e conclusasi con il più recente Glass. Secondo capitolo, il film è imperniato sulla prova attoriale di James McAvoy che si dimostra davvero all’altezza del suo personaggio. Un uomo che soffre di personalità multipla in cui albergano ben 23 personalità distinte e una ventiquattresima latente e pericolosa, pronta a rivelarsi e prendere il sopravvento. immancabile il colpo di scena finale, un mini cameo, di cui M. Night Shyamalan è un vero cultore.

Borotalco – 23.35 Rete 4

Cult assoluto di Carlo Verdone. Anni ’80 primo film tradizionale nello storytelling in cui Verdone interpreta un unico personaggio. Un giovane piuttosto mite e tranquillo che trascorre la sua vita pressato tra la fidanzata e il suocero, impersonato da Mario Brega con cui condivide alcune delle scene più memorabili della cinematografia verdoniana, riesce a far colpo su una collega sfruttando una serie di coincidenze e spacciandosi per l’uomo carismatico e affascinante che non è. Le cose precipitano e le bugie non reggono, generando una serie di esilaranti equivoci. Di diritto tra i film più divertenti di Verdone, forse persino il più bello e riuscito. Una immersione di cultura popolare.

Lunedì 13

L’ultimo imperatore – 21.15 La7

Epico colossal di fine anni ottanta del maestro Bertolucci. La storia e la vita dell’ultimo imperatore cinese, dallo splendore dell’infanzia alla prigionia nella Russia sovietica fino ai suoi ultimi giorni sotto il regime comunista. Grandioso biopic, un successo a livello mondiale. Con valenza quasi documentaristica fu il primo film di un regista occidentale ad aver mostrato la città proibita, la vera corte imperiale cinese.

Martedì 14

Permette? Alberto Sordi – 21.20 Rai Premium canale 25

Biopic prodotto da casa Rai, un omaggio ad un’icona del Novecento quale è Alberto Sordi, viene realizzato in occasione del suo centenario. Luca Manfredi dirige Edoardo Pesce nel difficile ruolo dell’Albertone nazionale con il tentativo di dar vita ad un mix tra la personalità del grandissimo attore romano e l’universo dei suoi personaggi. Un ventennio di una carriera straordinaria per il piccolo schermo, dai primi passi fino alla piena notorietà. Già in onda su Rai 1 il 24 marzo, lo ritroviamo ora su Rai Premium e in alternativa sempre su Raiplay.

Ted – 21.20 Italia 2 canale 66

Il protagonista è un orsacchiotto anche se Ted è tutto tranne che un film per bambini, perché ad animarlo, e a dirigere la pellicola, è Seth MacFarlane creatore de i Griffin. Una commedia che dalla famiglia del Rhode Island prende molto: i toni dissacrati sempre sopra le righe, il cinismo e la parlata volgare di quello che nasce come un orsacchiotto animato dal desiderio di un bambino e che trent’anni dopo è diventato una star dei media dimenticata e piena di vizzi. Alcolista, tossicodipendente, donnaiolo, Ted è tutto fuorché il classico peluche. Film molto discusso – ne è stato fatto anche un sequel perché gli incassi furono consistenti – che ha il pregio, come i Griffin, di saper inquadrare in maniera impietosa la società americana mettendola cinicamente alla berlina. Seth MacFarlane è un autore senza peli sulla lingua.

La classe operaia va in paradiso – 22.45 Cine34 canale 34

1971. Dramma di Elio Petri sulla condizione operaia e la catena di montaggio con musiche di Ennio Morricone. Gian Maria Volonté è un manovale che si spezza la schiena in fabbrica per mantenere due famiglie. Osteggiato dai compagni, dal sindacato e dagli studenti di sinistra che criticano la sua solerzia, si ribella schierandosi dalla parte delle proteste. La situazione precipita improvvisamente, perde la compagna e il lavoro e solo dopo tante lotte viene reintegrato alla catena di montaggio per un successo del sindacato. Ritratto amaro quanto satirico di una categoria, la classe operaia, rappresentata da un Volonté davvero potente. Accolto da molte critiche soprattutto a sinistra, a distanza di quasi cinquant’anni Elio Petri resta sempre un gran maestro da riscoprire.

Giovedì 16

Cast Away – 23.25 Iris canale 22

2001, Tom Hanks torna nel secondo film cult di Robert Zemeckis dopo Forrest Gump. Questa volta Hanks è un funzionario della FedeEx che precipita a bordo di un aereo nel mezzo del Pacifico. Unico sopravvissuto, come Robinson naufraga su un isola deserta dove è destinato a rimanere isolato per molto tempo, in lotta contro la fame e la follia.