Attualità

Donare il proprio abito da sposa per aiutare donne in difficoltà. Nasce la Onlus Sowed

Veronica Bello è una giovane ragazza che da qualche tempo ha creato una Onlus di cui è presidente: Sowed, parola creata dall’unione di Social e Wedding. Un progetto molto interessante che consiste nel raccogliere abiti e accessori da matrimonio, ridarli a persone interessate a partire da una donazione minima e impiegare il ricavato per sostenere progetti in favore di donne provenienti da esperienze difficili.

Quante persone hanno ancora in casa il proprio abito delle nozze? Abito pagato magari un occhio della testa, utilizzato solo una volta e lasciato dentro l’armadio a fare la muffa. Bene, da oggi è possibile, anziché bruciarlo perché magari il proprio matrimonio è andato in fumo, donarlo a chi ne ha bisogno e compiere così un gran bel gesto di solidarietà nei confronti di altre donne più sfortunate.

Sowed

Ho lavorato parecchi anni a Londra e da lì ho preso ispirazione concentrandomi direttamente sugli abiti da sposa fondando questa Associazione che si occupa appunto di raccoglierli, sia nuovi che usati perché ci sono anche molti Atelier che ci stanno appoggiando su questa causa oltre a molte persone comuni che hanno il piacere di contribuire a questa giusta causa: gli abiti prima vengono selezionati e i più nuovi vengono subito messi nel nostro archivio mentre i più utilizzati vengono prima restaurati ma entrambi poi servono per sostenere i progetti di beneficenza in favore delle donne attraverso il reinserimento nel mondo del lavoro. Creeremo anche una sartoria solidale che servirà a dare lavoro a queste donne che hanno avuto un passato difficile, donne sfortunate che arrivano da una situazione di disagio ma servirà anche per creare nuovi abiti utilizzando vecchi tessuti o abiti che sono un po’ più vecchiotti, più dismessi!

Qui in Italia rispetto l’esperienza che ho provato a Londra ho trovato più difficoltà perché questo concetto che ho applicato a Sowed è ancora molto lontano, molte persone lo guardano con scetticismo tant’è che ancora non ho un negozio fisico: siamo ancora lontani anni luce, le persone fanno difficoltà a separarsi dal proprio abito da sposa ma poi piano piano abbiamo trovato tante donne che ci hanno donato i loro vecchi abiti da sposa contribuendo così ad aiutare tante donne più sfortunate!