Politica

Finanziamento partiti, Ugo Sposetti: “E’ un dibattito surreale”

Finanziamento partiti, Ugo Sposetti: “E’ un dibattito per alcuni aspetti surreale perché molti di quelli che oggi dicono che c’è bisogno di risorse per la politica fino a qualche mese fa sparavano sulle risorse per la politica, che io chiamo risorse per la democrazia. Enrico Letta sbaglia a dire che  i rimborsi elettorali hanno portato ai guasti profondi di questa società. Sicuramente i partiti non si erano controllati, ci sono stati dei fenomeni che hanno dato spinta alla campagna anti casta di Grillo e vari giornalisti. I problemi succedono quando uno non vuole controllare. Open? Qui per una fondazione si sta criminalizzando un mondo che ha reso questo Paese moderno e civile. La Lega? Ha sempre avuto una presenza sui territori, nel merito le proposte sono discutibili, ma se c’è gente che ancora va nei mercati io lo apprezzo”

Sul finanziamento ai partiti

 “E’ un dibattito per alcuni aspetti surreale perché molti di quelli che oggi dicono che c’è bisogno di risorse per la politica fino a qualche mese fa sparavano sulle risorse per la politica, che io chiamo risorse per la democrazia –ha affermato Sposetti-. Ho visto che ieri Enrico Letta ha scritto una lettera a Repubblica dove spiega che i rimborsi elettorali hanno portato ai guasti profondi di questa società. Continua a non aver compreso il disagio di milioni di giovani che non è dovuto ai soldi alla politica, il disagio è dovuto al fatto che non vedono un ascensore sociale, non vedono più una prospettiva. Si è arrivati alla cancellazione del finanziamento pubblico perché Grillo e i suoi ragazzi tuonavano contro la casta, due giornalisti avevano scritto libri e saggi contro la cosiddetta casta. Sicuramente i partiti non si erano controllati, ci sono stati dei fenomeni che hanno dato forza, spinta a questa campagna. Le risorse ai partiti arrivano dagli iscritti, arrivano dal 2 per mille, i controlli ci sono, i problemi succedono quando uno non vuole controllare”.

Sulle fondazioni

 “Bisogna fare una distinzione. In Italia le fondazioni del singolo partito non sono previste dalla normativa. Adesso il mio partito ha stabilito che c’è una fondazione che dovrà ricevere risorse dal partito. Open? Quello che è successo con le varie inchieste di questi giorni, non riguarda fondazioni di partito, sono risorse raccolte dal signor Mario Rossi per sostenere le sue attività politiche. Qui per una fondazione si sta criminalizzando un mondo che ha reso questo Paese moderno e civile”.

Sulla presenza della Lega sui territori

 “Loro sono nati con Bossi come partito popolare nella provincia profonda del bergamasco, del bresciano, del varesotto, quindi sanno come ci si deve rapportare ai pensionati, ai piccoli imprenditori. Nel merito le proposte sono discutibili, ma se c’è gente che ancora va nei mercati io lo apprezzo”.