Attualità

Musei Capitolini (C. Presicce): “Emozionano i Viaggi nell’antica Roma”

Musei Capitolini: il direttore Claudio Parisi Presicce ha raccontato una delle più imponenti attrazioni della città ai microfoni di Radio Cusano Campus, durate la trasmissione Tutto in Famiglia.

“I Viaggi nell’antica Roma riescono ad attrarre turisti e curiosi, e rappresentano un modo per abbattere le barriere della conoscenza. Chiunque, con qualunque formazione, può accedere e capire com’erano fatti due dei monumenti principali di Roma antica: il Foro di Cesare e il Foro di Augusto – ha spiegato il direttore – la Sovrintendenza ha promosso lo spettacolo nel 2014, realizzato grazie a Piero Angela e Paco Lanciano, ed è stato il primo del genere tutto’ora attivo e in grado di incuriosire un gran numero di persone.”

Spettacolo in otto lingue

Attraverso il percorso si ha “la sensazione di vivere al tempo dei due personaggi citati – ha sottolineato Presicce – è uno spettacolo che è possibile seguire in otto lingue. Tutti i turisti, non solo i cittadini romani, hanno la possibilità di fruire dell’iniziativa. Il Foro di Augusto si segue attraverso un’impalcatura, ad esempio, e permette di rivivere tutta la storia dell’epoca.”

Augusto ha rivoluzionato la città

Musei Capitolini: sono un punto di riferimento della cultura romana, speriamo di essere all’altezza delle esigenze della città. I Viaggi nell’antica Roma ruotano principalmente intorno ad un coinvolgimento emozionale importante, tant’è che alla fine del viaggio i visitatori tornano a casa con un’ampia conoscenza dell’architettura romantica. “Piero Angela e gli altri speaker riescono a catturare la sensazione dei visitatori di trovarsi immersi in uno spazio che racconta Roma Antica. Augusto ha rivoluzionato la società romana lasciando traccia nelle nostre vite da un punto di vista dei monumenti e delle leggi – si è congedato così il direttore Presecce – i massimi fruitori di questo importante spettacolo sono soprattutto gli stranieri, che hanno respirato questo periodo della storia e dell’architettura antica.”

Ascolta qui l’intervista integrale