Attualità

L’Associazione nazionale lavoratori stagionali: “Stagionali sempre meno? La colpa è del Pd”

Giovanni Cafagna, presidente dell’Associazione nazionale lavoratori stagionali, è intervenuto a Radio Cusano Campus, nella trasmissione “Cosa succede in città”, condotta da Emanuela Valente, per parlare delle condizioni di lavoro degli stagionali. E’ entrato nel merito delle polemiche sull’allarme lanciato dal sindaco di Gabicce Mare, Domenico Pascuzzi, località turistica marchigiana, secondo il quale ci sarebbero meno lavoratori stagionali a causa del reddito di cittadinanza.  “Non è vero, il reddito di cittadinanza non c’entra nulla con la mancanza di personale stagionale – spiega Cafagna – chi ha fatto la stagione lo scorso anno non può accedere al reddito di cittadinanza. Chi conosce i requisiti per accedervi lo sa bene. E’ stata una strumentalizzazione politica, lo ha fatto il sindaco di Gabicce Mare Pascuzzi, del Partito Democratico, contrario a questa forma di sussidio e con questa mossa ha voluto denigrare il reddito di cittadinanza”.

I motivi della diminuzione dei lavoratori stagionali

“Il problema è esploso nel 2015 quando ci è stato dimezzato il sussidio di disoccupazione. Noi stagionali lavoravamo sei mesi e percepivamo poi sei mesi di sussidio. Con l’introduzione della Naspi, la nuova assicurazione sociale per l’impiego, l’ammortizzatore sociale voluto dal Jobs Act, il nostro sussidio è stato ridotto a tre mesi, Questo costringe i lavoratori stagionali fissi a cercare altre soluzioni. Fare lo stagionale non conviene più farlo. Prima venivamo sfruttati ma almeno prendevamo il sussidio per sei mesi, più o meno 700/800 euro che ci permettevano di pagare le spese correnti.  Ora veniamo sfruttati e il sussidio non copre l’intero anno. Rimaniamo scoperti per tre mesi e per noi è una tragedia”.

L’Anaspi e il governo Renzi

“La Naspi è stato un provvedimento del Governo Renzi inserito nel famoso Jobs Act. Il sindaco di Gabicce Pascuzzi, anche lui Pd, le sa tutte queste cose. Come del resto Matteo Renzi. Infatti quando il sindaco ha capito che l’aveva sparata grossa ha cominciato a cambiare il tiro”.

I lavoratori stagionali

“Ogni anno vengono attivati 500mila contratti stagionali, la metà è rappresentata dagli stagionali fissi, lavorano sei mesi, per anni per la stessa azienda e nello stesso periodo. Io, per esempio, ho 45 anni, vivo all’isola d’Elba, sono assunto da anni dalla stessa azienda e per lo stesso periodo. I ragazzi che frequentano l’università lavorano tre mesi d’estate ma a trainare l’economia del settore turistico stagionale sono le persone adulte”.

Le condizioni di lavoro degli stagionali

“Le condizioni di lavoro sono semplicissime, dal lunedì alla domenica, sette giorni su sette, una media giornaliera di 13-14 ore di lavoro. Non è una cosa detta a vanvera o per ingigantire il problema, è la verità. I camerieri impiegati negli alberghi, per esempio, devono coprire tre turni. La colazione dalle 6 alle 10, alle 12 riprendono il lavoro per il pranzo fino alle 15/16, infine tornano per servire la cena alle 18 fino alle 22. Il cuoco, invece, attacca alle 8 di mattina fino 14, riattacca alle 18 e finisce alle 22-23. Gli stipendi variano da un minimo di mille euro fino a un massimo, ma proprio massimo, di 1700 euro”.