Sport

Ternana, l’abbonamento numero 10000: Alessandro Rompietti

Ternana, l’abbonamento numero 10000

Il sostenitore rossoverde ha scoperto al botteghino di rappresentare quel numero così rotondo,

imponente, particolare. Esprimendo gioia e soddisfazione

 

Ci sono volute due settimane, per arrivare a diecimila abbonati, per la costruenda Ternana, consapevole, sul piano organizzativo, che sia e sarà una stagione estiva tosta, impegnativa; non potrebbe essere altrimenti, per chi cerca riscatto, per chi vuole migliorare l’undecima posizione del torneo che sta per terminare anche la lunga parentesi dei Play-Off. Alessandro Rompietti, tifoso della Ternana, è intervenuto a Radio Cusano Campus, esprimendo la propria soddisfazione per il singolare e inatteso primato, di essere l’abbonato del club rossoverde numero 10000. Cosa che, portandosi al botteghino, ha scoperto, sorpreso della cosa: “E’ stata una forte emozione: bello, essere accolto in questo modo. Un numero pesante, in quanto la Ternana ha fatto un numero pari a una squadra di Serie A. Bandecchi è stato molto in gamba, nella scelta di quest’anno”.

Sui prezzi applicati a vantaggio degli appassionati, il sostenitore delle Fere ha detto: “Mi sono abbonato in Curva Sud in quanto era rimasto solo quel settore: avrei voluto abbonarmi all’inizio di questa campagna. Solo che tra una rinuncia e “andiamo domani”, mi ha chiamato mio suocero dicendo che fossimo agli sgoccioli dei posti disponibili, e lo abbiamo fatto”.

Hai avuto modo, di seguire la squadra, nel campionato appena trascorso?

“No, per lavoro no, perché opero nel settore ricettivo quindi il fine settimana è spesso impegnato. L’ho seguita un po’ in differita e rivedendo i secondi tempi trasmessi dalle televisioni”.

Spero che questa iniziativa per la quale questa città ha risposto in maniera molto importante, porti la squadra a dare il meglio, e sia di grande input per la società e per i ragazzi, come abbiamo fatto noi nel sottoscrivere gli abbonamenti”.

Rompietti ha poi aggiunto: “Abbiamo dimostrato in questo modo di dare calore alla squadra, che a sua volta è chiamata a dare calore a noi”. Sulle aspettative legate alla prossima edizione della Serie C dice: “Credo nel presidente e nella squadra che ci darà. Spero di sorridere a fine anno, con grande gioia. Sono stato molto lusingato, della scelta che ha fatto la società nei miei confronti”.