Attualità

Pasqua. Coldiretti: nella settimana in tavola 400 mln di uova

Sono 400 milioni le uova che secondo la Coldiretti consumeranno quest’anno gli italiani. E sono tante le modalità in cui verranno consumate. Si va da quelle sode per la colazione a quelle impiegate in ricette tradizionali o in prodotti artigianali e industriali.

Gli Italiani spenderanno oltre 120 milioni di euro nell’acquisto di uova di gallina

E’ quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che gli Italiani spenderanno oltre 120 milioni di euro nell’acquisto di uova di gallina. Uova che saranno consumate direttamente o utilizzate per preparare primi piatti e dolci. Mentre  la metà dei 250 milioni  saranno spesi per acquistare circa 16 milioni di uova di cioccolato.

Un trend che conferma l’andamento positivo del 2018. Nell’anno passato, infatti, le uova fresche hanno registrato un balzo record del 14%. Sono proprio le uova quelle che hanno fatto registrare la maggiore crescita degli acquisti aggiudicandosi il titolo di star del carrello alimentare, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Ismea. A spingere i consumi – sottolinea la Coldiretti – gli ultimi studi secondo i quali le uova sono riconosciute come un alimento sano, equilibrato e “taglia grassi” adatto al controllo del peso di individui. Un uovo medio contiene solo 78 kcal. Ma il suo contenuto proteico elevato è pari a 6,5 grammi, ovvero il 13% del fabbisogno giornaliero di un adulto.

Le uova sono anche un ottimo alimento fonte di Vitamina A e B12. Sono inoltre ricche di Vitamina D e contengono Colina, Fosforo, Selenio, Riboflavina, Acido Folico, Biotina e Iodio. Mentre una vera e propria leggenda metropolitana del tutto priva di basi scientifiche è quella – denuncia la Coldiretti – che le uova facciano male al fegato. Al contrario, questo tipo di alimento contiene sostanze utili per il buon funzionamento delle cellule epatiche, come gli aminoacidi epatoprotettori come metionina e colina e una sostanza come l’inositolo utile in particolare per chi soffre di fegato grasso.

                                                                                                                                                                         Fonte DIRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.