Lavoro e Formazione

Compiti a casa: arrivano i tutor specializzati

Compiti a casa: arrivano i tutor specializzati, figure professionali competenti per seguire i minori nello studio a casa

“Il corso di formazione per tutor specializzati a domicilio si propone di formare figure professionali competenti per seguire i minori nello studio a casa e a rispondere alla maggiore richiesta di presenza di tutor presso le famiglie nel territorio del comune di Roma e dintorni. Il tutor – spiega la coordinatrice Simona D’Errico- acquisirà gli strumenti e le abilità che gli permetteranno di aiutare i minori a sviluppare un metodo di studio personalizzato, così da favorire l’autonomia nello studio”.

Saranno cinque giornate destinate a tutti coloro che uniscono al piacere di lavorare con bambini e ragazzi una passione verso l’insegnamento e l’apprendimento in tutte le sue forme. Le quarantacinque ore di formazione si articoleranno in 32 ore frontali, 8 ore online e 5 ore di ricerca-azione destinate a logopedisti, insegnanti, educatori, AEC, pedagogisti e psicologi.

Il tutor sarà, quindi, formato ad affrontare tutti i problemi che possono emergere nella sfera degli apprendimenti: Dsa, disturbo della lettura, disturbi di scrittura, disturbo del calcolo, disturbi della sfera emozionale e altri disturbi di apprendimento non specifici, Bes. Ma imparerà anche a impostare la relazione tra la famiglia e il bambino, lavorando sugli aspetti motivazionali (autostima e autoefficacia percepita) del minore e sulla collaborazione con i genitori.

Fare i compiti può rappresentare una difficoltà per tanti bambini, che non sempre riescono ad affrontare in modo sereno il momento dello studio. Può capitare che abbiano difficoltà ad organizzarsi, oppure che presentino una problematica legata ad una diagnosi. In ogni caso in loro aiuto interviene una nuova figura: il tutor a domicilio. A formarla ci pensa l’Istituto di Ortofonologia (IdO) con il corso ‘Studio a tutto-raggio. Divenire un tutor a domicilio’, per accompagnare allo studio minori con Disturbi specifici dell’apprendimento, Bisogni educativi speciali (BES), alto potenziale cognitivo o diversamente abili attraverso uno sguardo attento alle dinamiche relazionali e agli aspetti psicologici.

(fonte DIRE)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *