Senza Categoria

Ddl Pillon (M. Nacca): “Viola la solidarietà familiare e sociale”

Ddl Pillon: associazioni ed esperti, da Nord a Sud, chiedono che non si arrivi all’approvazione e che venga ritirato. “I punti del patto di governo su cui il ddl si fonda sono scellerati”, ha affermato l’avvocato Nacca, a Tutto in Famiglia, su Radio Cusano Campus. 

Il ddl non tutela le donne

“La maggioranza di noi si riconosce come donne cattoliche. Eppure leggendo il ddl, oltre a non essere tutelati i minori, non vengono tutelate neppure le donne cattoliche – ha aggiunto la presidente di Maison Antigone – in Italia, ci sono donne che dopo il primo figlio rinunciano al lavoro, investono nella famiglia in maniera totalizzante. La tutele è importante e non è contemplata nel testo di legge.”

Ddl Pillon: l’associazione Maison Antigone dice di no perché “incide e viola il principio della solidarietà sociale e familiare, tutelati dagli articoli 29, 30, 31 della Costituzione – ha sottolineato Michela Nacca – in primis, quello dei minori, nel momento in cui si abroga l’assegnazione delle case familiari, che viene stabilito a tutela del benessere psicologico e fisico del minore; e in secondo poi, al momento in cui si stabilisce il mantenimento indiretto si vengono a sottrarre elementi di tutela del minore. Non soltanto, i genitori maltrattanti potrebbero decidere di cacciare di casa moglie e figli, ma potrebbero anche decidere di non riprenderli nei dodici giorni previsti dal ddl.”

Il ddl degli inganni

E’ stata molto dura la posizione presa dalla presidente dell’associazione, ha definito infatti il ddl un disegno di legge che si basa su inganni. “Nel momento in cui un qualsiasi genitore, in genere sono gli uomini, decidessero di abbandonare moglie e figli senza provvedere al mantenimento e alla casa non incorrerebbero in nessuna sanzione penale, magari i maltrattanti si comportano così per avere un controllo totale su moglie e figli. Inoltre, è previsto che il maltrattante possa rivolgersi alle forse di polizia e con la forza ricondurre i minori in casa. Questa donna non può scappare dalla violenza e il sistema di mediazione non la tutelerebbe affatto.”

Ascolta qui l’intervista integrale

One thought on “Ddl Pillon (M. Nacca): “Viola la solidarietà familiare e sociale”

  1. Tre separazioni su quattro sono chieste dalle donne.
    Nelle separazioni i casi di violenza sono forse uno su 100 se non uno su 1000 che comunque sono anche casi di violenza femminile. Non è una novità; si pensi a Medea.
    Comunque non viene toccata la normativa contro la violenza.
    Nel 2019 al momento ci sono solo due femminicidi di cui uno effettuato da una donna nei confronti di una rivale.
    https://www.msn.com/it-it/notizie/other/stefania-uccisa-e-bruciata-in-un-campo-fermata-l’ex-amante-del-marito/ar-BBStsnL?ocid=spartandhp&fbclid=IwAR0zrG2fb6bnwGnisJAG3H0Os-xMOlG1FlmE8-4Ncukwl2l7PkK0rZX7yvw
    Se una donna è casalinga mantiene il diritto al mantenimento come ora.
    Se uno dei coniugi ha maggiore disponibilità economica si potrà assumere ( direttamente ) più capitoli di spesa per il mantenimento dei figli.
    Dove è il problema? Anzi questo permette che i coniugi si dividano impegni e responsabilità.
    Il mantenimento diretto favorisce anche il mantenimento del rapporto con i figli.
    L’Italia ha il più alto n° di condanne della Corte Europea per i Diritti Umani per il mancato mantenimento della figura paterna.
    Giuseppe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *