Il Quotidiano Online
dell'Ateneo Niccolò Cusano di Roma

Iscriviti alla Newsletter

    Network

    1 commento su “Scontro Italia-Francia. Cestari (Pres. Camera Commercio Italia-Africa): “Franco CFA favorisce imprese italiane””

    1. Mi sembra una intervista superficiale, e abbastanza imbarazzante.
      La Guinea è stata devastata dai francesi quando volle uscire fuori dal sistema del franco cfa. Spesso i Governi che sono tornati al sistema monetario cfa lo hanno fatto perché messi lì dai francesi dopo aver fatto cadere quelli “traditori”.
      Quanto agli europei che vivono in Africa, ebbene, io ci sono stato per un po’ per lavoro, e ricordo benissimo che gli imprenditori italiani pagavano bustarelle per lavorare lì e vincere la concorrenza. E’ a questi imprenditori che fa riferimento il signore dell’intervista? Oppure a quelli che mi dicevano di non lasciare la carne che mangiavo io alla mia domestica perché alla domestica si lascia solo pane e tè? Non so a quale Africa faccia riferimento il signore in questione, ma molti, troppi, degli italiani che ho conosciuto non erano dei gran modelli, onestamente. Erano addirittura imbarazzanti, a dirla tutta.
      Il tentativo degli europei che ho visto io è quello di non permettere la creazione di una borghesia locale.
      Per quanto riguarda la Francia, la questione non è soltanto il franco cfa, ma il diritto di prelazione sugli appalti: “prima proponi a me, caro paese africano, e poi agli altri competitor se io non sono interessata”. Inoltre, la Francia ha interesse, come altri, ma essa a maggior ragione partendo da una posizione di vantaggio, ad ostacolare la creazione di un sistema produttivo locale, in quanto intende sfruttare le risorse naturali per la propria industria sottopagandole, quando le deve pagare.
      Ci sono frotte di multinazionali che sfruttano le risorse dei paesi africani pagando bustarelle, pagando cioè dei funzionari corrotti del luogo, i quali impediscono lo sviluppo del proprio paese coi propri comportamenti.
      Perché non si vuole vedere la mentalità colonialista di molta parte dell’Europa contemporanea sull’Africa? Perché nessuno, a parte gli africani onesti, ha interesse a farlo, evidentemente…

    Lascia un commento