Attualità

Migliori Evo Italia, in casa Coldiretti Panel Test Campania

Tappa in Campania ieri per la selezione dei migliori extravergine per la Guida Oli d’Italia 2019, a cura di Gambero Rosso. Il panel test è stato curato da Aprol Campania, la principale organizzazione di olivicoltori, ed è stata ospitata nella sede regionale di Coldiretti a Napoli. Gli oli Evo (extravergine d’oliva) candidati sono stati 46, provenienti dalle cinque province. 14 da Avellino, 13 da Benevento, 11 da Salerno, 7 da Caserta e 1 da Napoli.

Il panel test era composto da esperti scelti tra i tecnici di Aprol

Il panel test, guidato da Maria Luisa Ambrosino e con la supervisione della referente di Gambero Rosso Adele Chiagano, era composto da esperti, scelti tra i tecnici di Aprol e gli assaggiatori accreditati presso la Camera di Commercio di Napoli. Tra i 46 candidati, il panel test ha selezionato un numero significativo di oli Evo che parteciperanno alla finale nazionale di Roma, prevista a fine gennaio. Gli extravergine che hanno partecipato al panel test rappresentano uno spaccato della produzione olivicola regionale. Forte la presenza di oli a denominazione di origine e biologici, con una netta prevalenza di monovarietali.

“Quello che emerge con evidenza – sottolinea Aprol Campania – è l’alto livello qualitativo dell’olio extravergine prodotto nella nostra regione nonostante l’annata difficile, flagellata dal freddo e dalle gelate che hanno colpito le olive già in settembre e ottobre. La produzione dell’annata 2018/2019, come nel resto d’Italia, risulta ridimensionata rispetto all’anno precedente. Nei dati ufficiali aggiornati sul Sian – sistema informativo agricolo nazionale – la produzione 2018 è stimata in circa 6 mila tonnellate di olio, a fronte delle 19 mila del 2017/2018”. Situazione questa su cui Coldiretti ha presentato il suo piano ‘Salvaolio’ in dieci punti. Il panel test è uno strumento necessario per la classificazione e valutazione delle caratteristiche organolettiche degli oli di oliva. Non solo ma serve a  tutelare i produttori di oli di qualità ed i consumatori.

Il panel test è un metodo oggettivo che sfrutta gli organi sensoriali umani

L’olio nuovo esprime al meglio le proprietà organolettiche, antiossidanti e nutrizionali che tendono a deperire nel tempo. In Campania sono cinque le Dop: Cilento, Colline Salernitane, Irpinia – Colline dell’Ufita, Penisola Sorrentina e Terre Aurunche. Il panel test è rappresentato da un gruppo di persone opportunamente allenate e preparate all’assaggio degli oli vergini di oliva con il compito di valutare e certificare le caratteristiche organolettiche (pregi e difetti): sapore, colore, odore e aspetto.

Si tratta di un metodo oggettivo che sfrutta gli organi sensoriali umani i quali. Questi secondo studi certificati, si comportano come dei veri e propri strumenti di misura. Infatti, numerosi studi effettuati in questi anni, hanno stabilito con certezza che gli organi sensoriali umani sono costituiti da cellule specializzate nel riconoscere i singoli tipi di molecole con cui vengono a contatto. L’esame organolettico panel test sugli oli d’oliva vergini come parametro di valutazione della qualita’ e’ stato introdotto nel 1991 dal regolamento comunitario.

                                                                                                                                                  Fonte DIRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *