Lavoro e Formazione

Colloquio di lavoro: l’importanza del “personal branding”

Il mondo del lavoro non è facile. C’è tanta competitività. E spesso i giovani, seppur bravi e con abilità fuori dal comune non vengono assunti. Tra le tante motivazioni per cui questo accade (tralasciando quelle polemiche), vi è l’incapacità di “vendersi”: far emergere il proprio valore comunicando efficacemente il proprio personal branding. Questo è uno dei segreti per farsi assumere.

Colloquio di Lavoro e Personal Branding

Che cos’è il Personal Branding? In un articolo di Tom Peters del 1997 si legge:

«You’re branded, branded, branded, branded. […] Everyone has a chance to learn, improve, and build up their skills. Everyone has a chance to be a brand worthy of remark».

Quindi il personal branding è la capacità di ogni individuo di costruire una reputazione autorevole attorno al proprio nome per ottenere dei benefici.

Ma come si crea il proprio personal branding? In primis, devi definire chi sei e quali competenze hai per promuovere te stesso. Se ne sei già consapevole, allora, dovrai aumentare la tua web reputation e iniziare a fare rete.

Comunicazione efficace nel colloquio di lavoro

La comunicazione è efficace quando il messaggio che l’emittente invia, viene percepito senza interferenze esterne ed interne (emozioni, opinioni, pensieri).

I 5 strumenti della comunicazione efficace:

  • Ascolto attivo: per comunicare bisogna saper prima ascoltare. L’ascolto attivo permette di instaurare relazioni solide, armoniche ed empatiche.
  • Assertività: la capacità di esprimere le proprie opinioni nel pieno rispetto di tutti. È indispensabile per sviluppare legami interpersonali poiché si fonda su 3 pilastri: rispetto, collaborazione e non giudizio.
  • Empatia: entrare in connessione con gli altri per sentirne i loro stati d’animo, mettersi nei panni dell’altro per capire le dinamiche che muovono le nostre azione e per uno spirito di solidarietà
  • Domande: esistono 2 tipi di domande. Le domande chiuse sono immediate e ci permettono di arrivare subito alla risposta che cerchiamo, ma risultano spesso vincolanti e fastidiose. Le domande aperte sono più colloquiali e permettono all’interlocutore di esprimersi liberamente. Aiutano ad approfondire il livello di confidenza.
  • Feedback: è un’informazione di ritorno che esplica l’effetto prodotto dal messaggio sul destinatario. Possiamo quindi raccogliere feedback per verificare se ciò che abbiamo detto è stato recepito correttamente dai nostri interlocutori o meno. Il risultato di una comunicazione efficace, in fondo, è proprio ciò che l’altro ha compreso.

Personal Branding e Comunicazione Efficace: l’evento in Ateneo a Roma

Per aiutare i giovani al primo approccio con il mercato del lavoro, l’Università Niccolò Cusano ha organizzato il Seminario “Dal curriculum al colloquio di lavoro – Personal Branding e comunicazione efficace”.

L’ufficio Career Service dell’Unicusano e OrienTarget, marchio di PND Coaching, offrono dunque un’opportunità unica per aiutare i giovani studenti a costruire il proprio brand personale in vista di colloqui futuri. 

Durante il seminario “Dal curriculum al colloquio di lavoro – Personal Branding e comunicazione efficace” saranno approfonditi i seguenti temi:

  •  Personal Branding
  • Comunicare efficacemente con il mercato del lavoro
  • Cosa bisogna conoscere del cv
  • Networking e Social Networking
  • Il colloquio di selezione

Condurranno il seminario Alessandro Pornaro (Coach, Consulente di Carriera, Formatore, Orientatore) e Damiano De Cristofaro (Career Coach, Formatore).

Per registrarsi al Seminario, gli studenti possono inviare una mail a placement@unicusano.it entro il 25 gennaio!

 

One thought on “Colloquio di lavoro: l’importanza del “personal branding”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *