Attualità

Pompei: l’Antiquarium di Boscoreale si tinge di fascino notturno

Il Parco archeologico di Pompei, l’ Antiquarium di Boscoreale, resterà aperto per le visite serali in occasione delle passeggiate notturne promosse dal Mibac.  L’iniziativa che prende il nome di ‘Boscoreale, suggestioni notturne’, partirà domani e sarà accompagnata da show musicali narrativa creata ad hoc per lo spazio museale vesuviano.

L’evento partirà stasera alle 20.30, con repliche domani e i venerdì 21 e 28 settembre

L’attore e regista Ottavio Costa si esibirà in una serie di performance che spazieranno dalla musica alla lettura. Il tutto avverrà fra le sale del museo e dell’auditorium. L’evento partirà stasera alle 20,30, con repliche domani e i venerdì 21 e 28 settembre. Colonna musicale dell’evento le note del compositore francese Claude Debussy, assieme alle parole del rinomato scrittore francese Pierre Louÿs, il quale è divenuto noto per la dedizione al mondo antico. Si comincerà con un testo scritto per l’occasione, liberamente ispirato alle pagine di Egon Corti e di Alberto Angela sulla Villa di Lucio Cecilio Giocondo. Il tutto verrà accompagnato dal dolce suono del flauto.

Nella fase conclusiva, i visitatori potranno assistere ad  un concerto della durata di 30 minuti. Inoltre, prosegue a Pompei ‘Musica in Terrazza’, l’apertura serale degli scavi con performance musicale sulla terrazza dell’Antiquarium. Questa sera si esibiranno i Sonora Sax Quartet Domenico Luciano (sax soprano), Angela Colucci (sax contralto), Nicola De Giacomo (sax tenore), Gaetano Amoroso (sax baritono).

In programma composizioni originali e interpretazioni di celebri brani classici, dal popular al jazz. Domani sara’ la volta del Marco Sannini Trio in The Swing Tree con Marco Sannini accompagnato dalla chitarra manouche di Oscar Montalbano e il contrabbasso di Marco de Tilla. L’accesso ai percorsi notturni non richiede prenotazione. Il costo del biglietto d’ingresso al percorso di luci proposto a Pompei è di 7 euro. Sarà possibile acquistare i biglietti direttamente nei siti archeologici.

                                                                                                                                                                               Fonte DIRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *