Tempi Moderni, la nostra attualità

Bambini e digitale (B. Volpi): “Mai esporli prima dei due anni”

Bambini e digitale: quando esporre i figli ai dispositivi tecnologici? E’ uno dei grandi dubbi dei genitori contemporanei. Smartphone, I-pad e computer sono ovunque, il contatto è inevitabile, l’importante è che non avvenga “mai prima dei due anni”, ha affermato Barbara Volpi, a #genitorisidiventa, su Radio Cusano Campus. 

Genitori digitali, Il Mulino

Il valido contributo alla comunità scientifica della professoressa Volpi – Genitori digitali, edito Il Mulino – spiega, servendosi di teorie come quella dell’attaccamento, come il genitore dovrebbe gestire la relazione figli-nuove tecnologie. “Il web amplifica i disagi, espone i figli al cyberbullismo o al cutting, per questo è necessario agire in maniera preventiva. Per questo il discorso della teoria dell’attaccamento è centrale per capire alcune dinamiche. Fu Bowlby nel 1970 ad esplicare il paradigma sulle prime relazioni madre – bambino, sottolineando l’importanza per lo sviluppo sano, da un punto di vista affettivo, di un figlio”, ha aggiunto la professoressa Volpi.

La teoria dell’attaccamento, Bowlby – 1970

Bambini e digitale: perché la teoria dell’attaccamento è importante per comprendere il modo in cui i figli vivono la rete? “E’ la più diffusa a livello psicosociale e internazionale. L’essere umano ha bisogno di essere attaccato all’altro, avere la sicurezza di un attaccamento sano e sicuro, per evitare patologie future. Il genitore diventa un faro che può illuminare i figli, in una traiettoria sana nel mondo digitale, se si è costruita nel tempo una base sicura, affettiva, nelle interazioni reali. Porto sicuro dove poter comunicare il loro disagio in caso di difficoltà. Il mondo digitale è una scoperta che l’adolescente, il ragazzo, fa guidato inizialmente dalla guida dei genitori che lo hanno supportato nelle sue prime navigazioni, nel web”, ha sottolineato l’esperta.

I libri, il primo touch screen

Durante i primi nove mesi di vita, i bambini compiono la loro prima esperienza touch screen, attraverso i libri. “E’ importantissimo educare il bambino all’utilizzo della carta prima e del web poi. Il genitore può stare col bambino e interagire direttamente. Così facendo potrà inserire il digitale gradualmente, dopo i due anni di età. L’interattività, nei bambini, si forma nei primi due anni di vita”, ha osservato Barbara Volpi.

Ascolta qui l’intervista integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *