Attualità

Amore (Marco Ventola): “Non è legato ai discorsi, ma all’esempio”

Amore, gelosia, tradimenti: come costruire rapporti autentici, ed educare i figli a fare la stessa cosa? Ne abbiamo parlato a #genitorisidiventa con Marco Ventola, cercando di capire quale legame esiste tra il concetto d’amore, quello di gelosia, e il tradimento. “La gelosia impedisce di stare in un rapporto di condivisione, l’altro è una cartina di tornasole per la propria attività personale. Il partner che tradisce con regolarità vive con la moglie la dimensione obbligata, e la passionalità, la trasgressione, con l’amante: vive una vita schizofrenica. Suddivide l’esistenza su due livelli”, ha affermato il fondatore del Cespig.

Educare all’amore

Un buon genitore ha il dovere di educare all’amore, e aiutare i figli a scegliere il partner giusto, e per raggiungere l’obiettivo dovrebbe evitare “discorsi di principio, tramite la comunicazione verbale. L’adolescente impara cos’è una coppia guardando i genitori che si amano, si vogliono bene, e litigano. Anche nei casi di separazione, o divorzio. Il ragazzo assimila quello che vede, e sviluppa un pensiero critico.”

 

Quando una coppia riesce a dare il buon esempio?

“Una coppia che si ritaglia del tempo per se stessa, per andare a cinema, sta dimostrando di essere una bella coppia, esemplare, e innamorata. Le relazioni d’amore vanno coltivate, invece spesso mi capita di assistere a rapporti dove prevale la critica. Ci si critica continuamente, questo accade perché non ci si sta occupando di cose terze, ad esempio un evento culturale, e l’unica cosa che si riesce a fare è osservare l’altro”, ha specificato Marco Ventola.

Evitare il senso del dovere

“Tante coppie stanno insieme per senso del dovere”, perché si deve fare, perché si è obbligati a portare avanti un progetto cominciato con un’altra persona. Mentre “la cosa bella dell’amore è la libertà, quando incateno una donna agli obblighi perché madre, o moglie, il rapporto smette di essere una conquista.”

Ascolta qui l’intervista integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *