Il Quotidiano Online
dell'Ateneo Niccolò Cusano di Roma

Iscriviti alla Newsletter

    Network

    3 commenti su “Gli uomini stronzi non esistono. Esistono uomini non interessati al rapporto”

    1. Molto interessante l’argomento e l’intervista. Ma vorrei chiedere all’autore, che giura di non conoscere uomini ‘stronzi’, come definisce quegli uomini sposati – le cui mogli sono peraltro tue amiche – che quando t’incontrano non fanno altro che lanciarsi in valanghe di complimenti del tipo ‘oggi sei più bella del solito’ oppure ‘se avessi la macchina fotografica oggi subiresti una violenza col ciack’ o ancora ‘non ti ho mai visto così lucente e stupenda’?
      Per me questi sono stronzi, non so se già nati tali oppure se moriranno da stronzi, ma certo stronzi lo sono!

    2. Molto interessante l’argomento e l’intervista. Ma vorrei chiedere all’autore, che giura di non conoscere uomini ‘stronzi’, come definisce quegli uomini sposati – le cui mogli sono peraltro tue amiche – che quando t’incontrano non fanno altro che lanciarsi in valanghe di complimenti del tipo ‘oggi sei più bella del solito’ oppure ‘se avessi la macchina fotografica oggi subiresti una violenza col ciack’ o ancora ‘non ti ho mai visto così lucente e stupenda’?
      Per me questi sono stronzi, non so se già nati tali oppure se moriranno da stronzi, ma certo stronzi lo sono!

    3. Ciao Rosa; e grazie per la domanda, che capisco perfettamente, e che condivido appieno. Si, un comportamento di questo genere, ne parliamo sempre in termini generci, teorici e personali, è del tutto irrispettoso sia della moglie del soggetto, che della persona che lo subisce. in una parola… ci siamo capiti. Ma, se vogliamo andare un pò oltre la pur comprensibile reazione istintiva, forse quello che va considerato è che, visto che il tradimento è un tema tanto delicato quanto storico e bipartisan, ciò che a mio modesto avviso va considerato è che il tradimento, o anche solo l’intenzione di porlo in essere deve o quantomeno può essere considerato/a come un indicatore di una mancanza nel rapporto. E’ pur vero che spesso l’uomo “ci prova” soltanto per atavico istinto alla caccia (mi spiace ma a volte la verità è tanto triste quanto banale), ma è altrettanto vero che più gli uomini, e ritornando al profilo bipartisan del fenomeno sociale oserei dire le persone, uomini o donne che siano, sono appagate, e con ciò intendo sia sentimentalmente che fisicamente, meno tenderanno a cercare soddisfazione altrove. Lo so, questo non toglie che sia un comportamento disdicevole in sè, ma è sempre opportuno andare all’origine del problema per capirne le cause, e quindi cercare una soluzione. Quindi bisognerebbe capire cosa manca davvero, se qualcosa manca, nel rapporto in origine. Mirko.

    Lascia un commento