Attualità

Mamme di successo: la storia di Paola a #genitorisidiventa

Mamme di successo: la storia di Paola dimostra che cambiare è possibile, basta avere il coraggio di darsi un’altra possibilità, e perseverare. Ne abbiamo parlato a #genitorisidiventa su Radio Cusano Campus, con l’intento di invogliare le mamme in difficoltà, mobbizzate, a fare lo stesso. “La spinta al cambiamento è legata alla nascita di tre bambini. Il cambiamento dev’essere visto come una sfida da vincere. Mi sono sposata nel giro di quattro anni. La positività, l’entusiasmo, sono state le basi per seguire il mio progetto, ovvero aprire un’agenzia di comunicazione tutta mia”, ha detto Paola durante l’intervista.

E’ importante avere un progetto però. Paola nel realizzare il suo sogno sapeva dove arrivare, aveva le idee chiare, e gli strumenti per ottenere i risultati sperati. Non brancolava nel buio. “Il mio progetto di sempre era avere un’azienda tutta mia. Bisogna sacrificarsi, soprattutto all’inizio. Ho utilizzato la liquidazione per investire sulla mia attività. Ho messo tutta la mia energia, le mie competenze, la mia professionalità, nel mio progetto”, ha sottolineato l’ospite, specificando che covava da tempo il desiderio di rendersi autonoma. Ci meritiamo la vita che abbiamo sempre sognato, dunque. Senza dover sottostare ad obblighi, e ordini dall’alto. Ebbene superare la paura, armarsi di fiducia e pensare che è possibile solo se lo vogliamo davvero. “Il grande lusso, oggi, è che posso arrivare alla festa di fine anno dei miei figli. Ho più possibilità di organizzarmi. Ed è una delle libertà che mi ha dato questa scelta professionale. Lavoro dieci ore al giorno, come quando ero dipendente nella multinazionale. Ho usato la mia rete di contatti per trovarne di nuovi” ha affermato la ‘mamma – coraggio’ di oggi. Lasciare il posto fisso significa abbandonare una volta per tutte l’idea che ogni mese verrà accreditato lo stesso denaro sul conto corrente, a favore dell’idea di poter incassare molti di più, con gli stessi, o meno sforzi.

Ascolta qui l’intervista integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *