Lavoro e Formazione

Amianto a scuola, Bonanni: “E’ emergenza”

Amianto a scuola. L’opinione pubblica torna a concentrarsi su uno dei problemi più drammatici che riguarda le strutture scolastiche del nostro paese. Non sono solo le criticità strutturali ad impensierire studenti, genitori e addetti ai lavori, insieme alle questioni relative alla precarietà dell’edilizia scolastica italiana c’è da tenere in forte considerazione la presenza inquietante, dannosa e molto spesso letale dell’amianto all’interno delle aule dove i nostri ragazzi trascorrono gran parte delle loro giornate. Sono seimila i decessi che si verificano ogni anno a causa di malattie correlate alla presenza dell’amianto nei luoghi pubblici. Solo nella Regione Lazio sono 811 i casi di mesoteli censiti fino al 2011.

A lanciare l’allarme è l’Osservatorio Nazionale Amianto che oggi stesso presenta il “Secondo Rapporto Mesoteliomi”. Per parlarne dettagliatamente Radio Cusano campus ha raggiunto il Presidente dell’Osservatorio nazionale Amianto, l’Avv. Ezio Bonanni. Presidente Bonanni, qual è la situazione attuale delle nostre scuole e quanto è grande la portata di questo fenomeno così pericoloso?

“I numeri che leggiamo sono allarmistici e purtroppo sono sottostimati rispetto alla situazione attuale. Pensate che su 2297 scuole contattate solo 789 hanno risposto e si sono messe a disposizione per un’indagine accurata cui possa far seguito una bonifica. L’amianto è una presenza inquietante ma costante nelle scuole italiane e i tassi di mortalità di alcune decine di professori stanno lì a sottolineare come ci sia stretta correlazione tra la scuola con presenza di amianto e l’insorgere di patologie ad esso riconducibili”.

Di che tipo di emergenza stiamo parlando?

“L’emergenza non è soltanto sanitaria o giudiziaria, ma anche sociale ed economica perché tali patologie sono molto invalidanti e determinano una necessità di assistenza, terapie e cure. C’è da considerare anche l’aspetto legato alle ripercussioni psicologiche dei familiari dei malati e delle vittime, perché morti cruente, come quelle che provoca l’amianto, sconvolgono l’intera famiglia anche dopo il decesso”.

Per ascoltare l’intervista integrale clicca qui sotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.