Il Quotidiano Online
dell'Ateneo Niccolò Cusano di Roma

Iscriviti alla Newsletter

    Network

    1 commento su “Confessioni di una spogliarellista che lavora in un night club di Roma”

    1. Sono un frequentatore di questo genere di locali, mi piace vedere ballare le ragazze, spendo nella maggior parte dei casi soldi solo per il biglietto d’entrata.
      Vi sono alcune persone, che come me frequentano abitualmente e nascono delle amicizie.
      Vedere il nudo femminile, dare qualche palpatina mi piace molto, amo soprattutto osservare i corpi di queste bellissime ragazze, che sono una vera opera d’arte.
      Incontrare altri frequentatori, che amano il corpo femminile, e denotare insieme il fisico delle ragazze, anche con qualche battutina, rende ancora più piacevole la serata.
      Per coloro che amano il nudo femminile e sono dei cultori della “gnocca”, è un vero piacere passare delle ore a vedere questi spettacoli.
      Alcuni clienti invece costruiscono un rapporto d’amore unilaterale con la sexi star del cuore, sperando di poter coronare il loro sogno d’amore, rimanendovi delusi e amareggiati, perdendo molti soldi in consumazioni e privè, in casi estremi prosciugano il proprio conto in banca, senza avere nessun riscontro positivo, per una futura relazione. Altri invece avendo molti soldi spendono delle vere e proprie fortune con alcune sexi star, allo scopo di passare una serata in loro compagnia. Di cosa avvenga dopo non ne sono al corrente, molti parlano di rapporto intimi, di voci su alcune sexi star ce ne sono molte, ma a me di ciò non interessa nulla.
      Ogni cliente ha delle esigenze diverse, lo scopo delle ragazze è quello di verificare quali siano, al fine di lucrare il più possibile sulle loro aspettative, che non si realizzeranno mai.
      Questi locali sono consigliati a person che: non vogliono impegnarsi, e amano il nudo femminile. Sconsigliatissimo invece per chi vuole una relazione seria, non ama il corpo femminile, e arrivare al dunque…

    Lascia un commento