Il Quotidiano Online
dell'Ateneo Niccolò Cusano di Roma

Iscriviti alla Newsletter

    Network

    2 commenti su “Femminicidio, parla la criminologa Cinzia Mammoliti”

    1. Vorrei sapere come dovrebbe comportarsi una donna che subisce violenze psicologiche costanti e martellanti. Non ci sono minacce di morte o violenze fisiche il che rende difficile una denuncia alle forze dell’ordine. Il silenzio come contromisura? non si considera i molteplici casi in cui con l’ex partner si condividono figli. Questa circostanza rende impossibile la negazione di un contatto sia fisico che verbale.

    2. infatti…io per tenerlo buono lo faccio chiamare dal bambino ogni volta..in modo tale che non si attacchi a nulla….
      fino a ieri 300 messaggi, fiori, foto ecc…
      con un bimbo come si fa a non avere contatti?

    Lascia un commento