Spettacolo

Tornano le fiabe di Italo Calvino per un’estate tutta da leggere

Mondadori, attraverso la collana Oscar Junior, ripropone le fiabe classiche di Italo Calvino in una serie di libri pensati per piccoli lettori e corredati di deliziose illustrazioni d’autore. Volumi ricchi di quella magia tipica “Calviniana” che ha reso immortale la favolistica del grande scrittore. Ecco dunque le Fiabe da far paura (appena appena non tanto); Le Fiabe Tutte da ridere; Le Fiabe di mare; Le Fiabe di animali magici; Le Fiabe un po’ da piangere; Le Fiabe per i più piccini.

 

italo calvinoC’era una volta una bambina golosa… Così inizia la favola di Zio Lupo, in cui una scorpacciata di frittelle causa grandi pericoli. E c’era una volta Giovannin senza paura, piccolo ma coraggiosissimo, che teme l’unica cosa da cui non potrà mai allontanarsi. Poi c’è l’uomo dal Naso d’Argento, con le tre sorelle che prende in moglie una dopo l’altra, curiose, sì, ma molto astute. Nelle Nozze d’una regina e d’un brigante, una principessa capricciosa fa una scelta sbagliata e rischia la vita. La voglia di viaggiare del Fiorentino gli fa scoprire il mondo, ma è la curiosità, ancora una volta, a salvarlo. Però è nel Braccio di morto che, tra castelli neri, scheletri e stregoni, la paura fa novanta! Sei fiabe che fanno paura, ma non troppo, da leggere con la luce accesa, illuminate dal tratto intenso e originalissimo di Pia Valentinis. Età di lettura: da 9 anni.

 

italo calvino

 

 

Una volta ci fu un Re che aveva due figli gemelli: Giovanni e Antonio… Così inizia la fiaba II palazzo delle scimmie, in cui un futuro re deve prendere in moglie… proprio una scimmia! I cinque scapestrati, invece, con le loro “arti” riescono a gabbare il re di Francia e la sua pazza figlia. E poi ci sono II soldato napoletano e due suoi amici che, sfidando i giganti, si trasformano in re e duchi. E furbi sono anche Cricche, Crocche e Manico d’Uncino che fanno una scommessa per vedere chi è il “mariuolo più fino”. Mentre il povero Giufà è il protagonista di ben quattro fiabe, nelle quali si dimostra più allocco che mai: prima vuole vendere una tela a una statua, poi si fa truffare perfino dalle mosche, e infine decide di far finta di morire per non pagare i suoi debiti. Ma una buona dose di legnate nelle storie da ridere non manca mai ed è quello che accade nell’ultima, Giufà e l’otre. Otto racconti per ridere insieme dell’imprudenza, della sbadataggine e della furbizia del popolo, illustrati da Fabian Negrin. Le Fiabe italiane racchiudono il tesoro della tradizione fiabistica popolare degli ultimi cent’anni. Da quello scrigno Calvino stesso ha selezionato per i più piccoli queste storie, in cui le vite di persone e animali si intrecciano a magia e meraviglia senza tempo. Età di lettura: da 9 anni.

 

italo calvino

“Una volta a Messina c’era una madre che aveva un figlio a nome Cola, che se ne stava a bagno nel mare da mattina a sera”. Così inizia la favola di “Cola Pesce”, e come avrà fatto, lui che adorava nuotare, a diventare mezzo uomo e mezzo pesce? Forse la risposta la conosce “Il Principe granchio”, rimasto intrappolato a lungo negli abissi, sotto l’effetto di un incantesimo fatato, o magari lo sa “L’uomo verde d’alghe”, delle insidie del mare se n’intende, lui che ha sconfitto mostri e marinai. Dopo tanto navigare, basterà “Un bastimento carico di…” a conquistare il cuore di una dolce principessa, o sarà meglio chiamarsi “Bella Fronte”, per convolare a nozze con la figlia di un sultano? E alla ricerca di una cura per “Il Balalicchi con la rogna”, per il mare ben tre volte va e tre volte torna Pidduzzu. Da leggere al sole e all’ombra, in spiaggia e in giardino, di sera e di mattino, sei fiabe dei nostri mari immerse nel caleidoscopio delle illustrazioni di Barbara Nascimbeni. Età di lettura: da 9 anni.

 

 

italo calvino

 

“C’era una vedova con un figlio che si chiamava Giuanin.” Così inizia la favola del “Mago Corpo-senza-l’anima” e del giovane coraggioso che lo sfida facendosi piccolo come una formichina… E c’era una volta “La Rosina nel forno”, una bambina bellissima con una sorellastra cattiva come una serpe, non certo generosa come “La biscia” e i suoi tre doni magici. C’erano poi “I tre cani”, Spezzaferro, Schiantacatene e Spaccamuro, tipi con cui non si scherza affatto, e infine il povero Peppi “Sperso per il mondo”, che con l’aiuto di un vecchio bue e tanta astuzia conquisterà una fortuna. Ranocchie parlanti, aquile riconoscenti, leoni invincibili e tanti animali magici popolano queste cinque fiabe, che destano stupore come il tratto incantato e giocoso delle illustrazioni di Gaia Stella. Età di lettura: da 9 anni.

 

 

 

calvinoC’era una volta una tenace principessa che riuscì a mutare la sua cattiva sorte. E poi c’erano la giovane e sensibile Bellinda, che si sacrificò per amore del Mostro; l’Uccel Belverde, che raccontò di intrighi familiari e figli coraggiosi; Pomo e Scorzo, nati da una mela per un incantesimo. E infine il principe canarino, il cui amore trionfa a dispetto della crudeltà. Cinque fiabe che non fanno piangere davvero, ma che commuovono solo un po’. Età di lettura: da 6 anni.

 

 

 

 

 

italo calvino

C’era una volta un gallo che andava girando per il mondo… Così inizia la favola di Gallo Cristallo e del lupo che, come ogni lupo che si rispetti, è sempre affamato. E c’era una volta un branco di Ochine, costrette a difendersi da una volpe, molto molto astuta. E poi Il bambino nel Sacco, Pierino Pierone, “alto così”, preso di mira dalla Strega Bistrega, e Cecino, un bambino piccolo come un cecio, tanto da entrare in una tasca. E c’erano, infine, anche I due Gobbi, che speravano di disfarsi, una buona volta, della loro gobba… Cinque racconti della tradizione, per piccini e non, incastonati nelle illustrazioni di Giulia Orecchia. Età di lettura: da 9 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *