Salute e benessere

Pelle dei bambini: qual è il modo giusto per prendersene cura?

Pelle dei bambini. La Dott.ssa Claudia Carnevale (Dermatologa Ospedale Pediatrico Bambino Gesù) è intervenuta ai microfoni di “Genetica Oggi”, trasmissione condotta da Andrea Lupoli su Radio Cusano Campus. 

ASCOLTA QUI L’INTERVISTA COMPLETA

In che modo prendersi cura della pelle dei bambini? Quali sono i prodotti da utilizzare?

Attenzione nella scelta dei prodotti per il bagnetto dei bambini: quali sono i consigli?

Consigliamo ai genitori di prendersi cura della pelle dei bambini fin da subito, perché una corretta detersione previene numerose patologie. I prodotti più adeguati sono quelli non schiumogeni, non profumati, ma tendenzialmente oleati. Nella quotidianità è preferibile la doccia anziché il bagno perché una prolungata immersione potrebbe causare disidratazione e fenomeni infiammatori.

Creme e paste emolienti all’ossido di zinco possono creare secchezza o dermatosi?

Questi prodotti sono molto utilizzati nei trattamenti quotidiani, come ad esempio il cambio del pannolino. Sono dei validi aiuti nella prevenzione, ma spesso vengono utilizzati nella maniera sbagliata. Spesso le mamme li applicano in grande quantità e rischiano di creare un effetto occlusivo, causando eritemi ed infezioni micotiche. Consigliamo una giusta detersione dell’area del pannolino e di asciugare la zona di piega senza esagerare nell’applicazione delle creme all’ossido di zinco.

E’ sconsigliato utilizzare con frequenza le salviettine imbevute di sostanze alcoliche e profumate. Nel momento in cui la mamma si trova a casa, consigliamo una detersione con acqua corrente e un detergente adeguato.

Quali sono i sintomi della Dermatite Atopica? Come si cura?

Sembra la dermatite atopica affligga 1 bambino su 5 e può manifestarsi con una semplice pelle secca o fenomeni infiammatori molto più invalidanti, come il prurito. Più si tratta la pelle sana e non arrossata con prodotti emolienti meno quella pelle sarà sede di processi infiammatori e di prurito. Le zone già sede di infiammazione vanno, invece, trattati in modo differente a seconda del caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *