Tempi Moderni, la nostra attualità

Adolescenti e chirurgia estetica (G. Basoccu): “I maschi ritoccano la bocca”

Adolescenti alla ricerca di un ritocco, aumenta sia il numero delle ragazze che dei ragazzi che sceglie di correggersi il corpo, assecondati dai genitori. Ne abbiamo parlato a #genitorisidiventa, su Radio Cusano Campus, con il prof. Giulio Basoccu, dell’Università Tor Vergata, responsabile divisione chirurgia plastica estetica ricostruttiva, all’INI, che ha subito affermato: “I ragazzi si avvicinano alla chirurgia estetica con la violenza tipica della loro età. Vogliono migliorarsi senza limiti e senza controlli.”

Adolescenti e aumento della chirurgia estetica, perché?

“E’ una scorciatoia per integrarsi, affermarmi rispetto al gruppo, alla fidanzata”, queste sarebbero le ragioni che spingono i giovanissimi a ricorrere al chirurgo estetico. “Il problema è che quando prendono una decisione nessuno può dissuaderli, per questo mi sono permesso di dire che si avvicinano alla chirurgia plastica violentemente. Loro hanno molta energia”, ha aggiunto Basoccu.

Le reazioni dei genitori

Una volta la chirurgia plastica era per vip, personaggi della tv, gente benestante che poteva permettersi un certo tipo di lussi, se oggi è anche per gli adolescenti significa che c’è benessere e che i genitori assecondano le esigenze dei figli senza imporsi. “Le famiglie hanno meno capacità di imporsi, meno forza di decidere sui figli, anche quando non condividono le loro scelte. Di contro i figli, oggi, hanno una determinazione maggiore, sono autonomi, viziati. Per questo gli adulti riescono a gestirli con maggiori difficoltà.”

Quali parti del corpo vengono ritoccate?

“Le ragazze scelgono di aumentare il volume del seno, o togliere accumuli di grassi, nella maggior parte dei casi. Gli uomini, a grande sorpresa, tolgono la pancetta o vogliono aumentare il volume delle labbra. Non sono infrequenti casi di questo tipo. La durata dei ritocchi con l’acido ialuronico varia, dura circa tre mesi, poi bisogna tornare a rimodellare tutto. Il costo si aggira su qualche centinaio di euro”, si è congedato così Basoccu.

Ascolta qui l’intervista integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *