Salute e benessere

Influenza: secondo uno studio gli uomini soffrono più delle donne

Quante volte abbiamo sentito gli uomini lamentarsi a causa dell’influenza, mentre le donne, generalmente, continuano a svolgere le solite attività di routine? 

Uomini Vs Influenza: ecco cosa dice lo studio

Almeno una volta ogni stagione accade che il figlio, il partner o il padre accusi l’influenza, anche se la temperatura corporea non supera i 37.5. Adesso dovrete ricredervi, perché secondo uno studio canadese pubblicato sul «British Medical Journal» le persone di sesso maschile soffrono maggiormente nel caso di infezioni alle vie respiratorie o di febbre.

«Il lavoro indica una reazione più bassa da parte dell’organismo maschile a comuni infezioni respiratorie virali e all’influenza. Gli uomini manifestano sintomi peggiori e più duraturi, hanno maggiori probabilità di essere ricoverati in ospedale e più pericoli di morire per complicanze correlate all’infezione», si legge nelle conclusioni dello studio.

Ma cosa rende gli uomini più deboli?

Alla base di questa affermazione ci sarebbe l’analisi dei dati raccolti dal 1997 al 2007. Troviamo anche le casistiche registrate nella città di Hong Kong dal 2004 al 2010.

Ne emerge che alla base di questa suscettibilità degli uomini all’influenza ci sarebbe il testosterone. L’ormone, infatti renderebbe poco efficaci le difese immunitarie del corpo. Dunque in questo caso il vaccino sarebbe più efficiente, riuscendo a rafforzare l’organismo.

Sicuramente occorrerebbero studi più approfonditi su questo tema perché nessuno fino ad adesso si riusciva a spiegare come un uomo influenzato potesse sembrare in fin di vita o quasi.

Prendendo con le pinze le conclusioni, è giusto però dire che non è la prima volta che si formula un’ipotesi del genere. Un anno fa una ricerca pubblicata sull’ «American Journal of Physiology» aveva già sostenuto che a difendere le donne – a parità di prevalenza dell’infezione, che colpisce in egual misura i due sessi – fossero soprattutto gli estrogeni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *