Sport

Sport particolari: ecco quelli che sono i più strani al mondo

Sport particolari? Ce ne sono e spesso sono anche divertenti. La supremazia del calcio è indiscussa ma non gradita a tutti. Forse perché girano tanti soldi o forse perché è da tanto (troppo) tempo che è in cima alla catena alimentare, non è più una disciplina pulita ad alti livelli e questo sta facendo disamorare la gente. Se avete voglia di provare uno sport diverso o, per i vostri figli, di instradarli verso nuove possibilità di attività fisica, la scelta è varia. Oltre agli sport minori ma noti come pallavolo, basket, pallanuoto e tennis, infatti, c’è di più. In questo articolo ci siamo divertiti a mostrarvi i 5 più sommersi. Eccoli.

Stufi del pallone intorno a cui gira l’Italia? In cerca di sport particolari? C’è vita oltre al Dio calcio, una vita buffa e divertente. Lo dimostra questa breve lista di discipline sportive sconosciute che, nel mondo, hanno la loro nicchia di innamorati. Che sia colpo di fulmine o solo semplice curiosità per voi, ecco quali sono i 5 sport più strani al mondo.

Hurling

Si tratta di uno sport di squadra all’aperto di origine celtica, considerato da alcuni il più antico in Europa e viene viene praticato in Irlanda, dove è molto popolare.

Si può considerare una variante dell’hokey su prato e per praticare tale disciplina avrete bisogno di una mazza ricurva di legno, chiamata appunto “hurley” (o “caman”), e di una pallina chiamata “sliothar”, che ricorda molto una palla da baseball.

Come si gioca ad Curling? Ecco le disposizioni base:

  • un campo lungo 137 m e largo 82;
  • due porte che sono una via di mezzo tra i pali del rugby e una porta da calcio;
  • si segna mandando la pallina nella parte alta o bassa della porta;
  • squadre da 15 giocatori;
  • non più di 4 passi con la palla in mano.

Assistere ad una partita di Hurling risulta, a detta di molte persone, molto emozionante e avvincente. I campionati piu importanti sono in Irlanda e Scozia (dove si chiama shinty),e sono per ora le uniche due squadre nazionali a livello internazionale.

Football gaelico

Tra gli sport particolari, anche questo è praticato in Irlanda. Viene visto e considerato come una via di mezzo fra il calcio e il rugby ma anche un parente lontano del durissimo football australiano. E’ uno sport antichissimo: pensate che esistono notizie che risalgono alla prima metà del 1500.

Quanto misura un campo da football gaelico? Ha una grandezza compresa fra i 130 e i 145 metri, è largo fra gli 80 e i 90 metri ed ha pali simili a quelli dell’Hurling. In questo sport le due squadre rivaleggiano con un pallone leggermente più piccolo di quello utilizzato nel calcio, che deve essere lanciato con i piedi o con i pugni in mezzo ai pali, sopra o sotto la traversa.

Come nell’Hurling, non si possono compiere più di quattro passi con la palla in mano che può essere aperta o chiusa a pugno. La palla si può raccogliere da terra solo con un piede.

Tchoukball

Si tratta di uno strano sport di squadra che ricorda la pallamano dove, però, la porta è diversa in quanto pannello di rimbalzo.

Le regole del Tchoukball? Un giocatore segna un punto a favore della propria squadra se il pallone, dopo il rimbalzo sul pannello, cade nel terreno di gioco. Non è possibile interferire nel gioco avversario, ma solo anticiparlo, schierandosi in difesa per ricevere il rimbalzo dal pannello. Può essere giocato a squadre miste.

Questa bizzarra disciplina fu inventata dal medico sportivo e biologo svizzero Dr Hermann Brandt negli anni 60. Nonostante il suo nome ricordi influenze ed origini esotiche, in realtà è onomatopeico. Non proviene, infatti, da nessuna lingua orientale ma deriva dal suono provocato dalla palla durante il suo rimbalzo sulla rete.

Tamburello

Si tratta di uno tra gli sport più antichi.  uLe sue origini risalgono, addirittura, nell’antica Roma e si è diffuso principalmente in Italia e i Francia. E’ anche inserito nei Giochi del Mediterraneo.

La palla di gomma che si usa per giocare può superare i 200 km all’ora. I numeri del tamburello? Cinque per squadra, su un campo diviso da una linea tracciata per terra e dotati di un tamburello di circa 30 cm di diametro, giocano secondo un punteggio che ricorda quello del tennis. Le due squadre di sfidano sulla distanza di 13 giochi.

Come colpire la palla a tamburello? Al volo e dopo un solo rimbalzo. Si segna un punto quando la palla, battuta o ribattuta, non supera al volo la linea mediana o scavalca le linee perimetrali del campo oppure quando è toccata consecutivamente da più di un giocatore della stessa squadra.

Palla bracciale

Si tratta dello sport del Rinascimento. Le sue origini, quindi, affondano nell’antichità classica e in Italia esplose del tutto fra il Settecento e l’Ottocento come dimostrano gli sferisteri di Bologna, Verona, Macerata e Firenze, dove diverse migliaia di spettatori accorrevano per assistere al match. Oggi la tradizione del gioco è difesa dai cultori presenti in alcune zone d’Italia.

Le regole della palla bracciale sono simili a quelle del tennis ma vede contrapposte due squadre di 3 giocatori e consiste nel rimandare al volo, o dopo il primo balzo, il pallone in campo avversario usando il bracciale anzichè la racchetta.

Come è il bracciale per giocare a palla? Si tratta di un attrezzo di legno cavo fornito di punte o denti. Copre la mano e il polso del giocatoree pesa circa 2 kg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *