Lavoro e Formazione

Boom DSA, Novara: “Eccesso diagnostico”

Boom DSA. L’aumento esponenziale in fatto di certificazioni di disabilità o di disturbi specifici dell’apprendimento, per quel che riguarda gli studenti italiani, continua a far pensare e a sollevare più di una perplessità. I dubbi aleggiano soprattutto se si prendono in considerazione i dati a disposizione: a fronte di un numero complessivo degli alunni frequentanti il sistema scolastico ridotto di diverse decine di migliaia si è passati, in un decennio, dai 167.804 allievi “certificati” dell’a.s. 2004/05 ai 234.788 dell’a.s. 2014/15, con un incremento che rasenta il 40%.

La diagnosi comporta sempre un PDP

Boom DSA. Allo stesso modo, si è rilevato un vero e proprio boom di accertamenti di iperattività e di deficit di attenzione – ADHD – e di autismo, ma anche di disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) come dislessia e discalculia, che non prevedono l’affiancamento di un docente di sostegno ma comunque l’utilizzo di strumenti speciali per l’erogazione di una didattica personalizzata (con misure dispensative e compensative).

Per tracciare confini più precisi che possano delineare il perimetro di questo fenomeno, Radio Cusano Campus ha contattato il dott. Daniele Novara, pedagogista che dirige il Centro Psicopedagogico per l’Educazione e la Gestione dei Conflitti, secondo il quale non vi sarebbe un corrispettivo aumento di tali disturbi negli altri paesi europei:

“Il rischio – sostiene Novara – è di essere in realtà di fronte a eccessi diagnostici, legati alla tendenza crescente di scuole e famiglie a scegliere la via dell’analisi della salute neuropsichiatrica del bambino, piuttosto che andare a indagarne la gestione educativa in famiglia e supportare quest’ultima in modo adeguato”.

“I disturbi specifici di apprendimento – continua Novara – sono deficit neurofisiologici che al massimo arrivano a colpire l’1,5-3% dei bimbi, mentre i dati scolastici italiani sono 4-5 volte superiori alle previsioni mediche e in aumento; si può arrivare a un 10% di dislessici, ovvero 2 bambini in una classe di 20 alunni”.

“C’è il rischio che qualcosa come 3 su 4 diagnosi di DSA siano in realtà sbagliate, un eccesso diagnostico che non fa bene né al bambino né alla società”.

Ascolta l’intervista integrale del dott. Novara cliccando qui sotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *