Politica

Becchi: “Di Battista come Grillo è un attore che recita un copione”

Becchi: “Di Battista come Grillo è un attore che recita un copione. E’ una costruzione completa di Gian Roberto Casaleggio, era lui che lo animava, adesso il M5S ha scelto un volto più istituzionale. Ora Di Battista si dedicherà ai suoi librini, scritti con la casa editrice di Berlusconi. Potrebbe essere un jolly in caso di fallimento di Di Maio”.

Il Prof. Paolo Becchi, ex ideologo del M5S,  è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la notizia”, condotta da Gianluca Fabi e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano, per commentare l’annuncio di Alessandro Di Battista in merito al suo futuro.

Sulla decisione di Alessandro Di Battista di non ricandidarsi

 “Non è una vera e propria sorpresa, se ne parlava già da questa estate – ha dichiarato Becchi -. Di Battista è un po’ come Grillo, legato a Gian Roberto Casaleggio, non sono animali politici, sono più animali da spettacolo, da tv, da scrittura di libri, non da seggio parlamentare. E poi sono creature di Gian Roberto Casaleggio, è lui che li animava. Di Battista è una costruzione completa di Gian Roberto Casaleggio. Non ha una sua autonomia di pensiero, recita un copione. Venendo a mancare lui, vengono a mancare anche le anime di loro due. Grillo ha in mente i suoi spettacolini e Di Battista comincia a tenere in mente i suoi librini, tant’è che questo annuncio se l’è tenuto per lanciare il suo libro edito da Rizzoli, la casa editrice di Berlusconi. Quando io facevo parte del M5S, i miei libri venivano pubblicate da Adagio e tutti i diritti d’autore finivano al Movimento, poi ovviamente ognuno è libero di fare quello che vuole”.

Grillo e Di Battista leader a intermittenza

“La morte di Casaleggio ha dato un volto più istituzionale al Movimento, rappresentato da Di Maio – ha aggiunto Becchi -. Figure come Grillo e Di Battista possono servire per la campagna elettorale, sono leader politici a intermittenza. Io credo che tutti e due continueranno a svolgere questa funzione, c’è anche da dire che Di Battista è un bellissimo jolly di riserva se Di Maio dovesse fallire alle prossime elezioni, cosa del tutto possibile. Roberto Fico dovrà ricoprire quel ruolo che era Di Battista, quello di attivista di sinistra”.

Futuro del M5S

“Questo staticismo aiuta poco –ha dichiarato Becchi-. Ogni partito e movimento deve avere una sua visione a lungo termine. O si riescono a dare una nuova visione oppure prima o poi saranno riassorbiti. Sarà sufficiente il solito richiamo ai vitalizi e basta? L’elettore a livello politico si domanderà: ma cosa hanno combinato questi in 5 anni?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *