Attualità

Confessioni di un animatore: “Sesso? Le donne vogliono solo quello…”

Sesso e animatori turistici. Cosa c’è di vero sulle leggende che circondano questa professione? Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio ne hanno parlato durante ECG, format di Radio Cusano Campus. 

MARCO, ANIMATORE TURISTICO, E IL SESSO

“Ho 26 anni, faccio questo lavoro dal 2012. Lavoro per un’importante catena di villaggi turistici Tutto quello che si dice sulle fortune sessuali degli animatori dei villaggi turistici è vero. Ci sono mogli che tradiscono il marito con l’animatore del villaggio in cui entrambi sono in vacanza. Ci sono donne che vengono al villaggio soltanto per il sesso. Anche donne sposate, con il marito in villaggio, che ci contattano per stare insieme”.

LA PRIMA CONQUISTA DI MARCO DA ANIMATORE

“Avevo 19 anni, era la mia prima stagione. Una ragazza di 18 anni si è avvicinata chiedendomi il numero. Gliel’ho dato, ci siamo scambiati qualche sms e poi la sera siamo stati insieme. E questo accade ogni settimana. Io personalmente faccio poco, sono timido, non mi avvicino mai alle ragazze, ma accade il contrario. Quando loro vengono da me sfrutto l’occasione ma non mi avvicino mai per primo. Quante donne ho avuto in questi cinque anni? Nell’ultima estate ho avuto 16 donne. Diciamo che in totale sono state una novantina. Una a settimana ce l’hai. Quando finisce la vacanza è brutto. Capita anche che ci si affezioni. Una volta con una ragazza sono stato fidanzato tre anni. Non so perché l’animatore abbia tutto questo fascino, ma il sesso femminile viene al villaggio solo per questo”.

NEL SESSO IL TARGET DI MARCO E’ CHIARO

“Ora come ora preferisco le trentenni.  Vado dai 30 in sù. Se arriva una bella 20enne non la boccio, ma è diverso. Se in quella settimana posso scegliere scelgo la trentenne, è più divertente. Vado dalle trentenni alle cinquantenni”.

LA PROVENIENZA DELLE DONNE PIU’ PROCACI SECONDO QUESTO ANIMATORE

“Tra le italiane, quelle che hanno più voglia di sesso per mia esperienza personale sono le lombarde e in generale le donne del nord. Tra le straniere, invece, dico le polacche”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *