Attualità

“Le babysitter non devono imporre il loro modello educativo”, Sitterlandia

“Le babysitter non devono imporre il loro modello educativo”, questa è la risposta data all’ascoltatrice Isa, di Radio Cusano Campus, che attraverso un messaggio ha chiesto ad Andrea Apollonio di Sitterlandia se le babysitter devono imporre un modello educativo o mediarlo coi genitori. “La babysitter deve seguire le regole base di educazione che la mamma e il papà hanno imposto. Deve esserci un dialogo tra genitori e babysitter, che non deve avvenire davanti ai bambini. L’imposizione di educatore può creare situazioni spiacevoli”, ha incalzato Apollonio subito dopo.

La situazione attuale sulla professione più gettonata dalle studentesse, e dalle amanti dei bambini, ora diventa un mestiere per esperte. Finalmente le famiglie scelgono di affidarsi a ragazze che hanno una preparazione mirata e sono consapevoli che devono pagare di più rispetto a qualche tempo fa. L’Italia, sul prezzo delle bambinaie, appare divisa. Ventimiglia è la città più costosa, dove i genitori devono sborsare 10,58 euro, mentre si risparmia a Sud, in Campania, e Puglia.

“La famiglia ha capito che deve spendere di più, è consapevole del ruolo di educatore che ha la babysitter. Non si tratta di una semplice ragazza che lavora coi bambini perché le piace lavorare coi bambini. La babysitter non è più la ragazza che deve lavorare coi bambini, ma deve avere un ruolo pedagogico nella famiglia, e la conoscenza di una seconda lingua straniera. Queste competenze si trovano generalmente in persone laureate, o che stanno seguendo un percorso universitario. La famiglia diventa datore di lavoro. La babysitter è una professione vera e propria anche se in Italia non ci sono linee guida che certificano la professione. Scienze dell’educazione e psicologia sono lauree che possono permettere a queste professioniste di avere un rapporto privilegiato coi bambini”, queste le altre dichiarazioni rilasciate da Andrea Apollonio in radio.

 

Ascolta qui l’intervista integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *