Attualità

Famiglie e spiritualità, in cosa credono i genitori di oggi?

Famiglie e spiritualità, in cosa credono i genitori di oggi? Se il patto con la Chiesa, e quello con la politica, fa acqua da tutte le parti, esiste un nuovo credo per le famiglie moderne? A detta di svariati esperti, mamme, o papà, intervenuto in trasmissione, pare – oggi – non ci siano modelli di riferimento validi. Si vive allo sbaraglio, disorientati. Quello che accade viene vissuto come una circostanza, fine a se stessa. Emiliano De Santis, autore di “Vivo e conosce Te”, ha molto ben chiaro il concetto di spiritualità, ne parla a #genitorisidiventa su Radio Cusano Campus, dicendo che “c’è una forza che ci circonda e che abbiamo smesso di osservare, per la fretta con cui viviamo i nostri giorni. Si può credere o meno (nell’esistenza di qualcosa di più grande di noi) se ci si sente toccati o no.” L’autore ha voluto sottolineare la percezione, quindi, di questa presenza più grande attraverso sensazioni interiori. E ha incalzato durante l’intervento radiofonico, affermando: “L’amore è il punto di incontro di ogni cosa. Dentro una famiglia questo è quello che si dovrebbe sperimentare. Questa è la mia chiave di lettura della spiritualità. Se vedi cose che accadono ai tuoi figli con amore, capisci che chi ci ha messo in questa vita deve averne molto molto più. Sento componenti che arricchiscono la mia vita più di quanto abbiano fatto esperienze pregresse.”

La personale visione della vita di De Santis, di tutto rispetto, può essere condivisa o no. Di certo, il libro contiene sogni e desideri naif che suonano come un invito a voler scoprire qualcosa di più nelle le relazioni, in quello che ci accade tutti i giorni. Lontani dalle dinamiche religiose, e dagli ambienti ecclesiastici, che spesso non coincidono con quello Dio ha chiesto e voluto per l’umanità, De Santis sottolinea di non essere una persona ‘della Chiesa’, dice di non essere un religioso, ma di vedere la vita con gli occhi puri, e sinceri, di un chi sta in pace con se stesso. “Non mi ritengo religioso, non più. La religione crea delle dinamiche che cercano di aiutarti a comprendere la vita di Dio. Ho sentito il desiderio di andare oltre una relazione con la vita. Scrivere oggi mi aiuta a comprendere di più tante cose. Faccio esperienze che mi accomunano agli altri esseri umani” ha fatto sapere in trasmissione, provando a dare una definizione più precisa del termine spiritualità. Famiglie e spiritualità, cosa pensano, secondo voi i genitori oggi di Dio? Cos’è la ricerca della spiritualità delle cose, secondo gli altri?

Ascolta qui l’intervista integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *