Attualità

Antonio Razzi: “A 18 anni avevo centinaia di donne, io Rodolfo Valentino”

A lezione di seduzione da Antonio Razzi. Il senatore di Forza Italia scatenato su Radio Cusano Campus in ECG, con Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, rivela: “A 18 avevo centinaia di donne”. 

ANTONIO RAZZI SHOW SU RADIO CUSANO CAMPUS. ASCOLTA L’INTERVISTA INTEGRALE

“Il catalogo delle donne single su Facebook fatto da un uomo a Lecco? Mi sembra come il commercio di carne umana. Se io fossi una donna con Facebook potrei pure dire che sono single e mettere la fotografia e il telefono affinché qualcuno possa interessarsi a me. Ma così no”.

IL SENATORE FORZISTA HA RICORDATO DI QUANDO DA GIOVANE…

“A 18 anni avevo centinaia di donne senza pagare, non sapevo nemmeno che esistessero le prostitute, te lo dico da amico, non me ne fregavo, avevo centinaia di donne, volevo conquistare, non pagare, non me ne fregava niente delle prostitute, io penso che a 18 anni uno che va a vedere queste cose qui boh, ma a che mondo viviamo!”

ANTONIO RAZZI SI PARAGONA A RODOLFO VALENTINO

Ci sono talmente tante donne da conquistare, tante belle ragazze da fare il vero Rodolfo Valentino italiano che magari gli offre una cosa, una rosa, il caffè, per dialogare, non andare a vedere le prostitute. Quelli che vanno con le prostitute sono quelli che non hanno nessuna possibilità di conquistare una donna”.

IL CULTO DELLA CONQUISTA

“La cosa è bella è quando riesci a conquistare una donna, che è come quando fai tredici al totocalcio. Io la vedo così, conquistare una bella donna, una bella ragazza, è sempre un valore aggiunto dell’uomo. Io da giovane avevo centinaia di donne, avevo l’imbarazzo della scelta, il periodo d’oro è stato tra il 68 e il 69”.

POLITICA

Antonio Razzi ha parlato anche di quello che sta succedendo all’interno della Lega: “Bossi e Salvini? Ho buoni rapporti con entrambi. I due litigano? Non mi impiccio, come dico spesso, in certi casi uno si deve fare i razzi propri…”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *