Salute e benessere

Come perdere 10 kg in un mese con la dieta Lemme

La dieta Lemme si tratta di una filosofia alimentare ideata dal farmacista Alberico Lemme, basata sulla teoria che per dimagrire in modo veloce e mantenersi in forma sono importanti i principi biochimici, anziché il classico conteggio delle calorie. Lemme spiega come dimagrire consumando esclusivamente carboidrati e proteine, eliminando dal menù verdura, frutti, dolci e sale, aceto, pane e latte. Divisa in due fasi, una di dimagrimento e l’altra di mantenimento, la dieta Lemme prevede il consumo di pasti in orari ben precisi da rispettare: i pranzo tra le 12 e le 14, la cena tra le 19 e le 21, più due spuntini compresi tra le 10 e le 11 e tra le 16 e le 17.

La dieta Lemme permette di perdere chili in eccesso in un breve periodo. Durante la prima fase – quella del dimagrimento – si perdono solitamente tra i sette e i dieci chili in un mese. In una giornata tipo è previsto il consumo di piatti sostanziosi come pasta e carboidrati a colazione e cibi ricchi di proteine, come pesce e carne a pranzo e a cena. Le bevande permesse sono acqua, caffè e thè, ovviamente senza zucchero. Olio, pepe, peperoncino, rosmarino, limone, aglio, cipolla possono essere utilizzati senza limiti. Sono permessi inoltre tutti i tipi di cottura compresa la frittura.

Ecco qui riportata una dieta tipo che indica come dimagrire con la dieta Lemme:

GIORNO 1
Colazione: tacchino + caffè
Pranzo: filetto di manzo + caffè
Cena: pesce spada + caffè

GIORNO 2
Colazione: tacchino + caffè
Pranzo:  filetto di manzo + caffè
Cena: pesce spada + caffè

GIORNO 3
Colazione: pasta olio e peperoncino + caffè
Pranzo: petto di pollo + caffè
Cena: sogliola + caffè

GIORNO 4
Colazione: pasta olio e peperoncino + caffè
Pranzo: petto di pollo + caffè
Cena: sogliola + caffè

GIORNO 5
Colazione: carciofi + caffè
Pranzo: fiorentina + caffè
Cena: orata  + caffè

GIORNO 6
Colazione: carciofi + caffè
Pranzo: fiorentina + caffè
Cena: orata  + caffè

GIORNO 7
Colazione: pasta olio e peperoncino + caffè
Pranzo:  petto di pollo+ caffè
Cena: sogliola + caffè

La seconda fase – quella di mantenimento – ha una durata di tre mesi e il menù viene arricchito di più cibi che evitano il classico post-dieta ovvero riprendere i chili persi.

Nonostante sia osannata da molti, la dieta Lemme sembra faccia male. Ma quali sono le controindicazioni e gli effetti collaterali? Pare che questo metodo porti gravi problemi al fegato e ai reni per l’eccessiva quantità di proteine previste. Un rimedio per evitare il rischio potrebbe essere quello di bere almeno due litri d’acqua al giorno.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *